MARTEDÌ 03 SETTEMBRE 2019, 12:22, IN TERRIS

CALCIO

I 30 anni dalla morte di Gaetano Scirea, il calciatore mai espulso

Era in Polonia per osservare una rivale della sua Juventus, perse la vita schiacciato nell'auto su cui viaggiava

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il difensore Gaetano Scirea in azione
Il difensore Gaetano Scirea in azione
A

ccanto ai numeri che indicano i trofei che ha vinto con divisa a strisce della Juventus e della Nazionale, spicca uno zero. È la cifra di cartellini rossi che Gaetano Scirea ha accumulato in 16 anni di carriera: nessuno. Mai espulso in oltre 500 partite. Purtroppo oltre a questa sfilza di numeri che descrivono un uomo e un calciatore umile e fantastico insieme ce n'è un altro. Trenta. Sono passati tre decenni da quel 3 settembre 1989, quando a 36 anni Scirea moriva in Polonia, diretto a Varsavia per rientrare in Italia dopo essere andato a vedere come giocava il Gornik Zabrze, prossima rivale della Juventus in coppa. È morto com'è vissuto "Gae" (questo era il suo soprannome), da persone gentile e modesta. L'allenatore di cui era vice, Dino Zoff, gli aveva detto che non c'era bisogno di andare fin laggiù, i polacchi non erano avversari da temere. Ma lui era andato lo stesso, per la sua squadra.


I colleghi

"È morto Gaetano Scirea, in un incidente stradale avvenuto in Polonia, dove si era recato per seguire la prossima avversario della sua Juventus nella Coppa". Così Sandro Ciotti ha dato la notizia della sua scomparsa, interrompendo l'edizione serale della trasmissione Domenica sportiva. In studio c'era anche il suo ex compagno di squadra Marco Tardelli. Se ne andava così un protagonista del calcio legato a un'epoca in cui la stravaganza non era la normalità e lui incarnava alla perfezione questa normalità. Sia in campo che fuori. Ricorda Zoff, prima suo compagno di squadra in bianconero e in azzurro, poi suo allenatore: "Ricordo la notte dopo la vittoria del mondiale" - Spagna '82 - "assaporammo la gioia insieme, scambiando pochissime parole. La nostra stanza era soprannominata 'la Svizzera' perché era un'oasi di tranquillità". Vuole la leggenda che Scirea, che in campo si muoveva a testa alta e petto in fuori, evitasse di fare fallo ai suoi avversari anche quando questo poteva aiutare sua squadra. Leale e corretto sempre con tutti i rivali. Come scrive Il Corriere della Sera, era generoso anche con quelli che aveva "in casa". Come Franco Baresi. Il difensore del Milan era entrato nel giro della nazionale italiana già ne 1982 e avrebbe preso il posto da libero di Scirea in seguito al suo addio alla maglia azzurra, dopo il Mondiale del 1986 in Messico. "Lui sapeva che un giorno gli avrei preso il posto, ma ogni volta cercava solo di aiutarmi, di mettermi a mio agio". Fulvio Collovati, suo altro compagno in azzurro, lo chiama il suo "angelo custode".


La famiglia

Quando è morto, Scirea ha lasciato una moglie, Mariella, e un figlio, Riccardo. "Lo seppi dalla televisione", racconta lui che all'epoca aveva appena 12 anni. In un'intervista al Corriere, la donna che è stata al suo fianco per 14 anni lo ricorda così: "Più che timido, era riservato. Univa la grandezza d'animo all'essere un campione. Era un uomo speciale e al tempo stesso normalissimo". La frase più bella però la dedicò alla coppia l'amico e compagno di tante partita in bianconero e in azzurro Tardelli: "Noi potremmo vivere una vita con le nostre mogli, ma il vostro amore era unico".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
A sinistra, la senatrice Liliana Segre. A destra, l'attore italiano Ezio Greggio
LA POLEMICA

Ezio Greggio dice "no" a Biella dopo il "caso Liliana Segre"

Il comico biellese rifiuta la cittadinanza onoraria perché il comune l'aveva negata alla senatrice. Ma il sindaco non...
I soccorsi
VIA FORMELLESE

Incidente mortale in via Cassia: due morti

Le vittime sono due uomini di 46 e 49 anni; strada chiusa fino alle 5.00
Una tempesta di meteoriti - immagine di repertorio
SPAZIO

Tempesta meteorica in arrivo: occhi puntati al cielo

Ecco quando vedere le Alfa Monocerotidi, sciame di comete avvolto in un alone di mistero
La macelleria dopo la deflagrazione
REGGIO CALABRIA

Esplode macelleria, feriti 5 vigili del fuoco

La deflagrazione è avvenuta in via Santa Lucia, nella zona di Sant'Antonio
Prodotti
FALSE ATTESTAZIONI

Celiachia, aziende a processo per la truffa alle Asl

La Regione Lazio si costituirà parte civile per i falsi rimborsi. Il boom degli alimenti speciali
Il luogo dell'incidente
MILANO

Travolge motociclista e si suicida

La Guardia giurata, 26 anni, ha investito un centauro 65enne, deceduto in ospedale
Scontri in Bolivia
BOLIVIA

Ancora scontri tra manifestanti e polizia: 3 morti

Le forze di sicurezza sono intervenute con elicotteri e l'utilizzo di armi e lacrimogeni
Sergio Mattarella con il presidente dell'Anci, Antonio Decaro - Foto © Quirinale
SISMA NEL CENTRO ITALIA

Mattarella: “Ricostruzione post-terremoto faticosa, il tempo incalza”

All’assemblea dell’Anci il presidente della Repubblica punta l’indice contro i ritardi nei lavori
Gaetano Micciché
SERIE A

Caos in Lega, Micciché si dimette

Il presidente, eletto nel marzo 2018, ha rassegnato le sue dimissioni: "Su di me indiscrezioni inaccettabili"
Migranti
DIRITTI CIVILI

Università a misura di migrante

Su immigrazione e asilo, a Lucca al via oggi il primo corso di alta formazione
Palazzo Madama, sede del Senato
IL PUNTO

I nodi della politica

Presentati gli emendamenti alla Manovra, parte la discussione in Senato in vista dell’approvazione della legge di bilancio
Cesare Battisti
TERRORISMO

Cesare Battisti sconterà l’ergastolo

La decisione della Corte di Cassazione sul ricorso proposto dalla difesa dell’ex terrorista dei Pac