MERCOLEDÌ 17 GIUGNO 2015, 009:45, IN TERRIS

GUIDA IN STATO DI EBBREZZA, VIDAL ARRESTATO IN CILE

Il centrocampista della Juve è stato protagonista di un brutto incidente con la sua Ferrari. E' stato prelevato dalla polizia in ospedale

DANIELE VICE
GUIDA IN STATO DI EBBREZZA, VIDAL ARRESTATO IN CILE
GUIDA IN STATO DI EBBREZZA, VIDAL ARRESTATO IN CILE
Il centrocampista della Juventus e della nazionale cilena, Arturo Vidal, è stato arrestato nel suo Paese per guida in stato di ebbrezza dopo un terribile incidente che lo ha visto protagonista nel suo Paese. La sua Ferrari, hanno riferito le autorità, si è schiantata a 25 chilometro da Santiago del Cile. Per Vidal una rogna proprio mentre sta trascinando la sua nazionale nella Coppa America. Il giocatore è rimasto lievemente ferito.

La polizia ha prelevato il centrocampista in ospedale per portarlo in caserma: per il calciatore il tasso di alcol nel sangue era oltre il livello consentito, come ha spiegato il colonnello Ricardo Gonzalez, confermando che Vidal sarà in stato di fermo fino alla mattina. E' in stato di fermo in attesa di giudizio", ha spiegato la polizia. Vidal, che era accompagnato dalla moglie, che ha riportato delle leggere ferite, mentre era di ritorno da un casinò. Nell'incidente è stato coinvolto un secondo veicolo. "

Il conducente della vettura rossa ha subito lesioni non gravi ed il suo passeggero è stato ferito in modo non grave", ha detto la polizia. "A seguito dell'incidente è stato rilevato il tasso di alcol nel sangue dei due conducenti e quello della vettura rossa è risultato sotto l'influenza dell'alcol". Il calciatore e la moglie sono stati portati in un ospedale della città di Buin, nei pressi della capitale, per documentare le ferite. I testimoni hanno anche indicato che la coppia è entrata in ospedale con le proprie gambe.

Le cause dell'incidente sono ancora oggetto di indagine, ma Vidal ha detto che lui non era responsabile. "Oggi ho avuto un incidente stradale, ma non è stata colpa mia, sto bene, la mia famiglia sta bene e grazie per tutto", ha detto il centrocampista in un video postato sul suo profilo Twitter. L'allenatore del Cile, Jorge Sampaoli, aveva concesso un pomeriggio libero dopo la partita che il Cile ha pareggiato 3-3 con il Messico lunedì nel Gruppo A della Coppa America. I giocatori dovevano tornare martedì alle 23:00 nel complesso sportivo Juan Pinto Duran, dove risiedono durante il torneo. Vidal è stato l'unico che non è rientrato in tempo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"