Golf: Stenson vince il Dp Word Tour Championship ad Abu Dhabi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:31

Ad Abu Dhabi il campione svedese Henrik Stenson è sempre più una leggenda del golf: ha vinto per il secondo anno consecutivo il DP World Tour Championship, quarto e ultimo torneo delle Final Series che hanno concluso l’European Tour. Sul percorso del Jumeirah Golf Estates (par 72) si sono affronttai i migliori 60 giocatori della money list e il nostro connazinale Francesco Molinari ha ottenuto un ottimo 16° posto con 279 colpi, dopo una gara tutta in salita. Gli altri italiani sono finiti più dietro con Edoardo Molinari giunto 42° con 285 colpi e Matteo Manassero 59° con 297.

Stenson, 38enne di Gothenburg, grazie a questa ulteriore vittoria ha portato a otto i titoli conquistati sul circuito, per un palmares che annovera anche tre successi nel PGA Tour e uno nel WGC. Lo svedese, con due “birdie” nel finale, è riuscito a superare il nordirlandese Rory McIlroy mentre l’inglese Justin Rose e il francese Victor Dubuisson sono finiti secondi con 274 (-14). Al quinto posto con 275 (-13) l’irlandese Shane Lowry, al sesto con 276 (-12) il sudafricano Louis Oosthuizen, lo svedese Robert Karlsson e l’inglese Tyrrell Hatton, al nono con 277 (-11) il sudafricano Branden Grace, l’olandese Joost Luiten e lo spagnolo Rafael Cabrera Bello, leader alla 15ª buca e poi crollato con due doppi bogey.

Il golf, si sa, è sinonimo di soldi: nella money list si è imposto Rory McIlroy con un guadagno di 6.930.083 euro, di cui oltre 1.500.000 intascati a Dubai tra premio di classifica e bonus. La sua vittoria era già stata conquistata la settimana scorsa, anche se aveva dovuto saltare le prime tre gare delle Final Series, in quanto i suoi avversari non avevano saputo approfittare della sua assenza. Il nordirlandese, già primo nell’ordine di merito del PGA Tour e che finirà la stagione in vetta anche al World Ranking, ha realizzato una straordinaria tripletta già riuscita all’inglese Luke Donald nel 2011.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.