Giro d'Italia, lancia la bici in mezzo alla strada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:25

Avrebbe potuto causare un incidente da record, praticamente senza precedenti nella corsa ciclistica più famosa d'Italia. Siamo a Conegliano durante la 18esima tappa e in quel punto i professionisti sfrecciano sfiorando i 50 km/h. Un uomo, anzi un pazzo, scaglia con veemenza la sua bicicletta per strada, proprio mentre stavano per passare i corridori in gara. Secondo le prime indiscrezioni l'autore del gesto avrebbe voluto prendere parte alla corsa. Inoltre a quanto pare l'uomo sarebbe stato in evidente stato di ebbrezza. Una vicenda a dir poco assurda, per molti versi inspiegabile, utilizzando le più naturali connessioni logiche. 

Il risultato finale della tappa

Per fortuna, il folle non ha fermato la corsa con Damiano Cima che vola al traguardo di Santa Maria di Sala e si prende meritatamente i riflettori della 18/a tappa del Giro. Il bresciano della Nippo-Vini Fantini centra una grande vittoria, la sua prima nella corsa rosa, in un epilogo al cardiopalma. I 222 km scattati da Valdaora si chiudono con una volata incredibile sul rettilineo finale, con Cima che porta a termine una lunga fuga (circa 40 km) precedendo il gruppo guidato dal fortissimo sprinter Pascal Ackermann della Bora-Hansgrohe. Il tedesco, che andava a caccia del tris, si deve accontentare del secondo posto davanti a Simone Consonni dell'Uae Team Emirates.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.