GIOCHI PARALIMPICI DI SCHERMA, L’ITALIA SUL TETTO DEL MONDO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

L’Italia è sul podio ai Mondiali di Scherma Paralimpici, in corso ad Eger, in Ungheria. Beatrice Vio, già campionessa europea 2014 a Strasburgo, ha superato nella finale di fioretto femminile la padrona di casa, l’ungherese Gyongyi Dani, sconfiggendola per 15-4. “Non mi rendo ancora conto di essere la campionessa del mondo! – ha commentato l’atleta azzurra –. Al momento la gioia più grande è perché, con questa vittoria, ho il biglietto per i Giochi Paralimpici di Rio 2016 e questo era il mio obiettivo. La giornata non era iniziata bene, ma è finita alla grande. Che bello poi sentire tutti i ragazzi della squadra incitarmi e fare il tifo per me”.

Il cammino sportivo della giovane atleta è stato libero da ostacoli: aveva sconfitto in semifinale, per 15-6, la cinese Jingjing Zhou, dando seguito ai successi maturati ai quarti per 15-2 contro la bielorussa Alesia Makrytskaya, mentre agli ottavi aveva eliminato la schermitrice di Hong Kong Yui Chong Chan, col punteggio di 15-11.

Nella stessa giornata della medaglia d’oro, l’Italia ha conquistato il bronzo nel fioretto maschile con Marco Cima, sconfitto in semifinale dal cinese Daolinang Hu, poi vincitore finale del titolo. William Russo, dal canto suo, si conferma ancora una volta il fiore all’occhiello del movimento olimpico italiano. Si tratta del nono trofeo ai Mondiali nella sua carriera. L’atleta palermitano ha vinto l’argento nella categoria di spada maschile. La medaglia è arrivata al termine della finale, dove l’azzurro è stato sconfitto dal russo Alexander Logutenko per 15-7. Ad oggi, lo schermidore italiano ha conquistato un titolo, quattro medaglie d’argento ed altrettante di bronzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.