Gigi Simoni, ricoverato in ospedale in gravi condizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

E'ricoverato in condizioni gravissime Gigi Simoni. L'ex allenatore di calcio, 80 anni, si trova presso l'ospedale Cisanello di Pisa. Si è sentito male mentre si trovava nella sua abitazione di San Piero a Grado (Pisa). La situazione clinica è costantemente monitorata dai sanitari, al suo capezzale ci sono i familiari e i parenti più stretti. 

Una vita tra campo e panchina

Luigi Simoni aveva fatto il suo esordio tra i professionisti nella stagione 1959-60 nel Mantova di Edmondo Fabbri, squadra che si conquistò il passaggio di categoria dalla serie B. Dopo un'altra annata in A con i mantovani, Simoni si trasferisce al Napoli. Con i partenopei vince una coppa Italia nel 1961-62. Nel suo palmares anche il campionato italiano di serie B con il Genoa nella stagione 1967-68. Più ricca di soddisfazioni la carriera da tecnico. Dove ha vinto con la Cremonese la coppa Anglo italiana nel 1993, una coppa Uefa con l'Inter nel 1998, anno in cui vinse la Panchina d'oro come miglior allenatore italiano, e cinque campionati di serie B (tre con il Genoa e due con il Pisa). Simoni, nel corso della sua lunga carriera, ha ricoperto anche ruoli dirigenziali. Infatti nel 2009 assume al Gubbio l'incarico di direttore tecnico. Nel corso delle due annate succssive affianca con la sua esperienza i giovani tecnici che si succedono in panchina: Riccardo Tumiatti e Vincenzo Torrrente. In seguito all'esonero di Fabio Pecchia, nell'ottbre 2011, siede ancora in panchina a 72 anni. Poi il ritorno al “grande amore”: la Cremonese che lo assume come direttore tecnico. È il gennaio 2013, qualche mese più tardi assume il ruolo più prestigioso, diventando presidente della società il 17 giugno 2014. Per gli amanti dei numeri: 953 presenze totali come allenatore, 306 vittorie, 362 pareggi e 285 sconfitte.  

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.