F1, la Ferrari delle gare del 2017 sarà presentata il 24 febbraio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:07

Sarà presentata il prossimo 24 febbraio a Fiorano, la monoposto Ferrari progettata per il Mondiale 2017 di F1, il giorno prima dei primi test dell’anno a Barcellona. Ad annunciarlo il presidente e Ad di Ferrari, Sergio Marchionne, e il capo della scuderia, Maurizio Arrivabene, durante il tradizionale incontro con la stampa per lo scambio degli auguri natalizi. In quello stesso giorno la Ferrari ha chiesto la possibilità di un “Filming day“, ovvero un test a uso degli sponsor, per la prima messa a punto della macchina in pista a Fiorano prima della partenza per il circuito catalano. In caso di assenso, la nuova Ferrari scenderà in pista sul circuito di casa.

Alla domanda di alcuni giornalisti circa la scelta del terzo pilota del Cavallino Rampante, il presidente Marchionne afferna: “Risposta facile. Antonio Giovinazzi è il terzo pilota della Ferrari, posso confermare. Gli altri due per il 2017 sono confermati, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen“, confermando che il Cavallino ha scelto l’esordiente di Martina Franca (Taranto), vicecampione della Gp2 a 23 anni, come prima scelta oltre ai due piloti ufficiali.

“Non faccio più previsioni”. Sergio Marchionne, rispondendo a una domanda sulle ottimistiche previsioni fatte un anno fa, alla vigilia del Mondiale 2016 di F1, che poi per la Ferrari è andato molto male, ha riferito che questo è un errore che non farà più. “La cosa peggiore del 2016 è che nella stagione la vettura non è migliorata, mentre altri sono migliorati molto“, il bilancio di Marchionne, che di fronte ai nuovi obiettivi, ha aggiunto: “Bisognerà fare meglio del 2016, che non è difficile”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.