VENERDÌ 30 SETTEMBRE 2016, 001:04, IN TERRIS

EUROPA LEAGUE: TOTTI FA RISPLENDERE LA ROMA, POKER GIALLOROSSO ALL'ASTRA

Il Capitano inventa e regala assist per i gol. A segno Strootman, Fazio e Salah; autorete di Fabricio

MATTIA SHERIDAN
EUROPA LEAGUE: TOTTI FA RISPLENDERE LA ROMA, POKER GIALLOROSSO ALL'ASTRA
EUROPA LEAGUE: TOTTI FA RISPLENDERE LA ROMA, POKER GIALLOROSSO ALL'ASTRA
Dopo le deludenti prestazioni di gioco in campionato, la Roma di Spalletti si fa valere sul prato dell'Olimpico asfaltando l'Astra Giurgiu per 4 a 0. Per i giallorossi è la prima vittoria stagionale in Europa League, salendo, così, a quattro punti nel Gruppo E. Ad incantare, ancora una volta, è Francesco Totti. Il Capitano quarantenne ricambia l'affetto di tifosi e supporters dimostratogli in occasione del suo quarantesimo compleanno e delizia l'arena romana inventando il gioco: al 15' regala l'assist per Strootman, che segna il vantaggio capitolino. Poi Fazio raddoppia al 45' a seguito di un potente tiro, su punizione, del del numero 10 giallorosso che si stampa sulla traversa. Nella ripresa arriva il tris grazie a un'autorete di Fabricio. Salah, infine, cala il poker, servito ancora una volta, da Totti.

Quarantanni compiuti da poco, ma in campo sembra un giovane di vent'anni. Firmando i tre assist e le innumerevoli giocate, ribadisce ancora una volta il suo ruolo di condottiero. La Roma sembra non poter fare a meno delle sue giocate, siano esse passaggi di prima, punizioni o colpi di tacco. Spalletti, dopo il k.o. col Torino, punta proprio al Capitano per dare un segnale a tutto l'ambiente giallorosso. Quando Totti è in campo, la Roma cambia. Così, per la seconda serata europea, il tecnico toscano schiera una formazione aggressiva e veloce con Iturbe, Perotti e Salah messi in attacco ad esaltare le caratteristiche di Totti. Sumudica, al contrario, risponde con un modulo difensivo, quasi totalmente chiuso, lasciando Alibec da come unica punta in attacco.

A causa degli spazi chiusi, i ragazzi giallorossi tentano di allargare le manovre offensive tenendo la palla bassa. La primo guizzo è dei rumeni, tuttavia Nicoara trova Allisson, prontamente uscito dai pali, a salvare il risultato. Con calma i campioni di Romania provano a rallentare il gioco e ad abbassare il ritmo. Vista l'assenza di sbocchi a ridosso dell'area, la Roma tenta un nuovo sviluppo su un calcio piazzato. Al 15', la pennellata di Totti viene ricevuta da Strootman, che deve solo appoggiare la palla in rete di sinistro. Roma in vantaggio, ma l'unica cosa che cambia è il risultato sui maxischermi dello stadio. Infatti, nonostante lo svantaggio, l'Astra continua a chiudersi a riccio, difendendo basso e chiudendo tutti i passaggi.

Iturbe tenta, invano, di creare superiorità numerica, ma la difesa rumena è difficile da abbattere, e nemmeno Perotti riesce a fare la differenza. Ancora una volta gli occhi puntano il Capitano, che rischia rischia l'espulsione a causa di una brutta entrata su Teixeira. Ma è grazie alle sue idee che alla mezz'ora inventa, di tacco, una grande giocata per Salah, che però sbaglia tutto davanti a Lung. La classe e lo stile del "pupone" si concretizzano, poi, al 45': il portiere devia sulla traversa un proiettile del Capitano su punizione e Fazio appoggia in rete la palla del raddoppio. Il primo tempo termina 2 a 0 per i padroni di casa.

Nella ripresa l'Astra crolla: dopo appena due minuti dal fischio d'inizio del secondo tempo, infatti, Fabricio regala il tris ai giallorossi con un'autorete. Poi, al 55', è sempre lui, Totti, a trovare Salah per il poker. Un gol che chiude definitivamente il match, trasformandolo, de facto, in un allenamento. Spalletti pompa aria nuova nei polmoni capitolini inserendo anche Nainggolan, Florenzi e Gerson. Gli ultimi venti minuti sono utili solo per le statistiche, per provare a far segnare Iturbe, senza risultati, e per una gran parata di Alisson su Alibec. Al triplice fischio l'Olimpico esplode. Gli applausi sono per la Roma, quella di Totti.

Al termine della partita, ai microfoni di Sky Sport, Totti dichiara: "Avevo ancora lo smoking della festa? Certo, è su misura, difficile toglierlo. Scherzi a parte, era importante far vedere che squadra siamo, abbiamo dato una risposta importante. Mi ha votato il 90% degli spettatori? Facevano parte della festa - scherza il Capitano -, fa piacere. La nostra migliore risposta era giocare bene e vincere, questo è quello che vuole la gente e quello che vuole il mister e soprattutto noi, per dimostrare che siamo un gruppo unito".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"