VENERDÌ 07 AGOSTO 2015, 009:35, IN TERRIS

EUROPA LEAGUE: LA SAMP FALLISCE L'IMPRESA, MA ZENGA E' SALVO

I blucerchiati vincono 2-0 sul campo del Vojvodina ma non basta. Di Eder e Muriel i gol

REDAZIONE
EUROPA LEAGUE: LA SAMP FALLISCE L'IMPRESA, MA ZENGA E' SALVO
EUROPA LEAGUE: LA SAMP FALLISCE L'IMPRESA, MA ZENGA E' SALVO
La Sampdoria vince 0-2 in casa del Vojvodina ma non basta per raggiungere la qualificazione alla fase a gironi dell'Europa League dopo lo 0-4 subito all'andata. Il risultato, però, salva per il momento la panchina di Walter Zenga. Per tentare la rimonta impossibile, il mister blucerchiato si affida ancora al tridente Krsticic-Muriel-Eder. A parte l'infortunato Palombo, sostituito da Coda, è lo stesso undici travolto dal Vojvodina all'andata. Ai doriani serve subito una rete e questa arriva al quarto d'ora: Muriel serve l'assist per Eder, il nazionale azzurro supera con un preciso rasoterra Zakula. Il vantaggio è una ventata d'entusiasmo per la Sampdoria, ma i serbi non stanno a guardare e impensieriscono gli ospiti con Ozegovic: il salvataggio di Fernando è provvidenziale.

Blucerchiati vicinissimi al raddoppio con una gran conclusione di Soriano: Zakula si supera. Poi sono i padroni di casa a rendersi minacciosi con uno spunto personale di Sekulic, nell'occasione è ancora attento Fernando. Nella ripresa la Sampdoria continua a spingere a caccia del 2-0 che riaprirebbe la speranza qualificazione. Ma è il Vojvodina a sfiorare il gol con un colpo di testa di Ivanic: Viviano è strepitoso nel sventare la sfera sulla linea di porta. Lo stesso numero uno blucefchiato è chiamato all'intervento sul sinistro di Duric. Il sospirato raddoppio doriano arriva sugli sviluppi di un contropiede e una bellissima triangolazione Eder-Muriel: l'italobrasiliano serve il colombiano, che infila con un sinistro al volo (25'). Restano venti minuti per non salutare l'Europa, Zenga getta nella mischia i giovani Bonazzoli ed Ivan. Ma nelle file dei liguri si fanno sentire la fatica e la difficoltà nel creare gioco e la rimonta, inevitabilmente, resta a metà. Zenga può consolarsi con l'atteggiamento visto, soprattutto nel primo tempo, della sua squadra, di ben altro piglio rispetto al disastro dell'andata. Chissà se a patron Ferrero potrà bastare per confermarlo in panchina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti
il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero

Il senso d'umanità

In seguito alla decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma che ha respinto la sua richiesta di sospensione della...
Una frazione di gioco di Juventus-Inter
CALCIO | SERIE A

Juve-Inter a reti bianche: Spalletti è ancora primo

I bianconeri giocano meglio ma non sfondano: 0-0. Il Napoli può tornare davanti