Euro Roma 2014: arrivano 1900 atleti universitari da 28 paesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

I riflettori internazionali sio accendono su un evento che unisce i giovani all’insegna dello sport e dello scambio culturale. Sono arrivati a Roma tutti gli atleti che prendono parte a quella che viene considerata la pre-olimpiade universitaria, l’Euro Roma 2014.

Più di 60 atenei provenienti da 3 continenti (Europa, Asia e Africa), 28 i Paesi coinvolti, 9 le discipline sportive, 1900 i partecipanti. A fare da cornice alla tre giorni internazionale di sport universitario (13-15 novembre 2014) sono gli impianti dell’Università degli Studi Roma Tre: lo Stadio “Alfredo Berra”, via Giuseppe Veratti e il Centro Sportivo “Le Torri”, lungotevere Dante 376. Ma Roma Tre non lavora soltanto per se stessa: la sua funzione è anche quella di collegare il territorio. Lo sport è lo strumento migliore per raggiungere l’obiettivo. Le due strutture in dotazione all’Ateneo non sarebbero mai bastate per ospitare interamente le gare di calcio, calcio a 5, basket, volley, pallamano, atletica leggera, cheerleading, tennis e tennistavolo. Saranno dunque attivi il Centro Sportivo San Paolo, l’Associazione “Sport libero” e la palestra dell’ITIS “Giuseppe Armellini”, tutti situati in zona San Paolo (Roma sud).

Tre le università capitoline partecipanti: Roma Tre, La Sapienza, Luiss. Presente anche una rappresentativa Erasmus ed una dell’ateneo di Milano. Tra le delegazioni di atleti che gareggiano anche quella dell’Oman, del Libano, della Libia, del Kuwait e degli Emirati Arabi. L’evento è patrocinato dal Comitato Regionale Lazio del CONI, dal Comitato Provinciale Roma AICS, dalla Regione Lazio, da Roma Capitale, dall’Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze e dalla Provincia di Roma.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.