SABATO 05 GENNAIO 2019, 11:55, IN TERRIS


ARGENTINA

Emergenza finita per Maradona: "Sto bene"

Il Pibe de Oro ringrazia con un tweet i tanti tifosi per il ricovero dovuto a una emorragia gastrica

MILENA CASTIGLI
Diego Armando Maradona
Diego Armando Maradona
E

mergenza finita per Diego Armando Maradona: ricoverato per precauzione in ospedale a Buenos Aires per una emorragia gastrica, è stato dimesso quasi subito. La notizia del breve ricovero della Mano de Dios a Buenos Aires aveva suscitato sgomento in Italia in particolare tra i tifosi del Napoli, che nella serata di ieri avevano riempito i social network di messaggi di preoccupazione e incoraggiamento al loro idolo.


Il tweet

"Voglio ringraziarvi per i messaggi di incoraggiamento. Mi dispiace che vi siate preoccupati senza motivo. Voglio dirvi che non è successo niente, che sto bene", ha scritto Maradona sul proprio profilo Facebook in merito al breve ricovero in ospedale di ieri. "Oggi - scrive l'ex campione - mi prendo cura dei miei nipoti Benja, Dieguito Mattia, e di mio figlio Diego Fernando. Mando un bacio a tutti".

Il Pibe de Oro era stato trattenuto nella clinica Olivos dove si era recato per una serie di controlli di routine prima di ripartire per il Messico per continuare ad allenare una squadra locale di serie B. Una volta giunto alla clinica, i medici si erano accorti che il problema constatato richiedeva ulteriori accertamenti, tra cui una endoscopia. E' comunque rimasto poche ore in osservazione nel centro clinico che ha potuto lasciare in serata. Appena ricoverato, Maradona era stato raggiunto in clinica dalle sorelle, dalle figlie e dal figlio Diego Junior, che si trova in Argentina per il battesimo del primogenito, chiamato Dieguito Matias in onore del nonno. 

Ironia della sorte, proprio il 4 gennaio di 19 anni fa il giocatore argentino fu vittima di un'overdose di cocaina e venne ricoverato in coma nella clinica Cantegril di Punta del Este, in Uruguay, dove si trovava per trascorrere le festività di fine anno. Emergenza superata brillantemente, da grande campione, anche in quella occasione.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pagamento bollo auto, 12 persone sanzionate
NAPOLI

Furbetti del bollo auto: sanzionati 12 automobilisti

Pagheranno il triplo del beneficio di cui hanno fruito illecitamente
Marcia per la Vita a Parigi
PARIGI

Migliaia di persone in marcia contro l'aborto

In Francia 200mila interruzioni di gravidanza l'anno. I manifestanti chiedono interventi anche contro la fecondazione...
Povertà in Italia
RAPPORTO OXFAM

Disuguaglianza economica nel mondo in crescita

Le fortune dei super-ricchi sono aumentate del 12% lo scorso anno
Madre e figlia
LISIERA DI BOLZANO VICENTINO

Gettata a terra dalla madre: muore neonata

La donna ha poi tentato il suicidio ferendosi alla gola con un coltello
Proteste ad Atene
GRECIA

Caso Macedonia: scontri ad Atene

Migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro l'accordo di Prespa
Napoli-Lazio 2-1. Callejon festeggiato dai compagni di squadra
SERIE A

Il Napoli è una macchina, la Lazio si arrende

Al San Paolo finisce 2-1, Inzaghi fuori dalla zona Champions. Nel pomeriggio, Zapata fa poker allo Stirpe, pari show al Franchi