Ecco tutti i numeri del 2014 dei campioni del tennis

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

A stagione quasi conclusa è tempo di bilanci per il mondo del tennis: il 2014 è stato l’anno di Novak Djokovic che è tornato più forte che mai come nel suo indimenticabile 2011. Il serbo è primo nel ranking mondiale e chissà se avrebbe vinto anche la “vera” finale ai Masters di Londra se Federer fosse stato al top? Proprio lui, lo svizzero, in questo anno ha messo in mostra il tennis più bello della sua carriera con dei colpi da maestro che sembrano routine per un campione del genere.

Ma uno spazio di primo ordine spetta anche a Rafa Nadal che è riuscito ad aggiudicarsi, per la nona volta, la vittoria al Roland Garros e a Serena William, dove la sua sete di vittoria l’ha portata a vincere a ripetizione ed ora punta a battere i 22 slam di Staffi Graf. In questo magico elenco di campioni c’é anche la nostra connazionale Flavia Pennetta che si è aggiudicata il prestigioso torneo dell’Indian Wells. Il 2014 è stato anche l’anno delle Cichi, che hanno conquistato il primato mondiale in doppio e di Fabio Fognini che ha portato l’Italia fino alle semifinali di Davis.

A farci rendere ancora più conto dello spessore di questi campioni del tennis sono i numeri: 126 sono state le settimane da numero uno di Novak Djokovic a tutto il 2014. Il serbo è tra i primi dieci al mondo da 406 settimane consecutive. Il leader del ranking ha vinto 48 tornei in carriera e 7 solo nel 2014: Indian Wells, Miami, Roma, Wimbledon, Pechino, Parigi-Bercy e il Masters. Tre sono stati  i nuovi “top ten” di fine anno 2014: Kei Nishikori (n° 5), Milos Raonic (n° 8) e Marin Cilic (n° 9). Passando al femminile Serena William in carriera ha vinto ben 18 slam: come lei solo Martina Navratilova e Chris Evert.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.