Ecco i gironi, supersfide per Inter e Napoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:58

Nemmeno il tempo di tornare in Champions che il cammino dell'Inter si presenta subito irto di ostacoli e, per di più, decisamente in salita: a Spalletti tocca il proverbiale girone di ferro, con Barcellona, Tottenham e Psv Eindhoven, non proprio un bentornato nella massima competizione europea. E non è andata certo meglio al Napoli, che se la vedrà con Paris Saint-Germain, Liverpool e Stella Rossa. Girone più abbordabile per la Roma che, se da un lato pesca i campioni in carica del Real Madrid, dall'altro l'urna le pone di fronte alle comunque insidiose Cska Mosca e Viktoria Plzen. Agrodolce il raggruppamento della Juventus: ai campioni d'Italia tocca il Manchester United di Mourinho, il Valencia di Toral e gli svizzeri dello Young Boys.

Inter… di ferro

Poteva andare decisamente meglio all'Inter, tornata nelle urne di Nyon dopo 6 stagioni e subito costretta a scontare le conseguenze del presentarsi in quarta fascia. Le mani della sorte, sotto le sembianze dell'ex Diego Forlan e dell'ex avversario Ricardo Kakà, compongono per Spalletti uno dei gironi (quello B) più complicati che potessero capitare: c'è innanzitutto il Barça, reduce dalla cocente eliminazione ai quarti dello scorso anno proprio per mano di un'italiana e arrivato ai nastri di partenza con la precisa intenzione di spodestare i rivali del Real dal trono d'Europa; non da meno il Tottenham, squadra ormai stabilmente ai vertici del calcio inglese e pronta a dire la sua anche in campo internazionale; più indietro ma comunque ostico e blasonato anche il Psv, mattatore del Bate Borisov ai preliminari.

Juve vs Pogba

Nonostante la prima fascia, il girone (H) si presenta particolarmente insidioso anche per la Juventus, costretta ad affrontare lo United dell'ex Pogba e il talentuoso Valencia allenato da Marcelino. Si annunciano per niente facili le trasferte all'Old Trafford e al Mestalla, mentre meno sorprese potrebbe riservare lo Stade de Suisse, casa degli elvetici dello Young Boys. Molto dipenderà dalla vena Champions di Cristiano Ronaldo, che ritrova sulla sua strada il Manchester e, soprattutto, il suo ex tecnico José Mourinho, mai così in discussione sulla panchina dei Red Devils, squadra ricca di talento ma partita col piede sbagliato in Inghilterra. Qualche buona individualità si cela anche nell'attacco dei Blanquinegres, che potranno contare sull'ex Atletico Gameiro e sul talento dei giovani Bathsuayi e Santi Mina.

Roma contro Real e calendario

E' ormai una classica di Champions la sfida fra il Real Madrid e la Roma, rispettivamente campione e semifinalista della scorsa edizione. I giallorossi, inseriti nel Gruppo G e rinnovati ampiamente nell'organico, ripartiranno dai Blancos (che avrebbero potuto affrontare a Kiev) per tentare di ripetere l'impresa di qualche mese fa. Fondamentale sarà non sbagliare con i russi del Cska Mosca e i cechi del Viktoria Plzen: un compito che, nonostante tutto, potrebbe non essere così semplice, specie se le due trasferte dovessero capitare in inverno inoltrato. Interessante sarà anche il doppio confronto con le merengues, orfane di CR7 e del tecnico Zidane ma comunque forti di una tradizione che, numeri alla mano, parla da sola.

Le sfide del Napoli

Se quello di Spalletti non è un bentornato, decisamente non lo è nemmeno quello di Carlo Ancelotti: il suo Napoli, infatti, dovrà dare il meglio di se stesso nel tostissimo Gruppo C, dove sono state inserite Psg, i vicecampioni del Liverpool e i serbi della Stella Rossa. Un raggruppamento di ferro ma forse più equilibrato di quanto possa sembrare, con i partenopei praticamente intaccati nell'organico e forti di un importante fattore campo. Di fronte, due squadre che, francesi in primis, puntano decisamente alla finale di Madrid. Il Psg per dimostrare di non essere un rullo compressore solo in Francia, il Liverpool per replicare quanto di buono fatto vedere lo scorso anno, considerando anche che al trio formidabile Salah-Firmino-Mané si sono affiancati giocatori del calibro di Alisson, Fabinho e Naby Keita.

Negli altri gironi gli equilibri sono stati sostanzialmente mantenuti: abbordabile il Gruppo F, con il City di Guardiola che se la verdà con Shakhtar, Lione e Hoffenheim. Più intrigante il confronto dell'Atletico Madrid con Borussia Dortmund e Monaco nel Gruppo A, mentre al Bayern di Kovac l'urna si mostra piuttosto favorevole, ponendo nel girone E le non irresistibili Benfica, Ajax e Aek Atene. Gruppo apertissimo quello D, dove la testa di serie Lokomotiv Mosca si giocherà il passaggio agli ottavi con Porto, Schalke 04 e Galatasaray, con più di qualche chance di accedere perlomeno in Europa League.

 

Di seguito tutti i gironi sorteggiati a Nyon:

Gruppo A: Atletico Madrid, Borussia Dortmund, Monaco e Bruges;
Gruppo B: Barcellona, Tottenham, Psv e Inter;
Gruppo C: Paris Saint-Germain, Napoli, Liverpool e Stella Rossa;
Gruppo D: Lokomotiv Mosca, Porto, Schalke 04 e Galatasaray;
Gruppo E: Bayern Monaco, Benfica, Ajax e Aek Atene;
Gruppo F: Manchester City, Shkthar Dontesk, Lione e Hoffenheim;
Gruppo G: Real Madrid, Roma, Cska Mosca e Viktoria Plzen;
Gruppo H: Juventus, Manchester United, Valencia e Young Boys;

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.