MARTEDÌ 30 GIUGNO 2015, 15:00, IN TERRIS

COPPA AMERICA: IL CILE E' LA PRIMA FINALISTA

Grazie a una doppietta dell'attaccante del Napoli la nazionale di Sampaoli batte 2-1 il Perù

REDAZIONE
COPPA AMERICA: IL CILE E' LA PRIMA FINALISTA
COPPA AMERICA: IL CILE E' LA PRIMA FINALISTA
Il Cile è la prima squadra che giunge in finale di Coppa America. In semifinale i padroni di casa battono il Perù per 2-1 in un match tutt'altro che facile. La Roja ha avuto il vantaggio di giocare in superiorità numerica per 70' in seguito all' espulsione di Zambrano. Decisiva una doppietta di Edu Vargas, 25enne attaccante appena rientrato al Napoli, mentre per i peruviani, non basta un'autorete di Medel.

Il Perù comincia bene con Farfan, e Vidal rischia subito il rosso per una manata a Zambrano ma viene graziato dall'arbitro venezuelano Argote che invece punisce con l'espulsione lo stesso peruviano per un'entrata su Aranguiz. La squadra di Gareca mantiene un certo equilibrio, il Cile fatica a sfondare ma prima dell'intervallo riesce a trovare il vantaggio: il tirocross di Sanchez finisce sul palo, sulla respinta si fa trovare pronto Vargas che, in sospetto fuorigioco, non sbaglia da due passi. Il Peru' non ci sta e al 16' della ripresa trova il pari grazie alla sfortunata autorete di Medel, che di testa devia nella propria porta un cross di Advincula. Tre minuti dopo, però, una perla di Vargas dai 25 metri riporta il Cile avanti. Sanchez manca poi il tris: ora la vincente tra Paraguay Argentina sarà la prossima avversaria.

"Era un nostro dovere portare il Cile in finale, lo sapevamo dall'inizio. E' un sogno incredibile, ancora di più perché siamo i padroni di casa - spiega il ct Jorge Sampaoli -. Di tutte le partite che abbiamo fatto fin qui, questa è stata sicuramente la più complicata, perché non sapevamo come approcciarla". Ricardo Gareca, ct del Perù invece, è soddisfatto nonostante la sconfitta. "Hanno dato tutto quello che avevano. Resta la sensazione amara che lascia un'eliminazione, eravamo convinti di poter centrare la finale, ma abbiamo affrontato una Nazionale molto dura e giocare tanto tempo con un uomo in meno a questo livello della competizione è complicato. Ora dobbiamo recuperare e pensare alla finale per il terzo posto. Il Cile comunque è pronto per diventare campione". Mentre Guerrero, il bomber della squadra sconfitta ironizza: "Non mi piace molto parlare dell'arbitraggio, ma ci sono stati molti imprevisti e cose curiose. Dopo lo scandalo della Fifa, e con il fatto che il Cile gioca in casa, ci sarebbero molte cose da analizzare. L'espulsione di Zambrano ci ha reso le cose difficili - ha proseguito l'attaccante - Sono stati davvero tanti gli imprevisti: hanno segnato in fuorigioco, non mi hanno dato un rigore che c'era. Abbiamo fatto una buona gara, nonostante l'inferiorità numerica. Abbiamo lottato fino alla fine e siamo stati a un soffio dalla finale. In 11 contro 11 sarebbe stata un'altra storia".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"