MARTEDÌ 16 GIUGNO 2015, 003:30, IN TERRIS

CAOS RUGBY, NON C'E' ACCORDO SUI PREMI. ACCUSE TRA FIR E AZZURRI

Alfredo Gavazzi, presidente della Federazione italiana rugby: "Sono deluso dall'atteggiamento assunto dagli atleti". Il Gira: "Non dicono la verità"

REDAZIONE
CAOS RUGBY, NON C'E' ACCORDO SUI PREMI. ACCUSE TRA FIR E AZZURRI
CAOS RUGBY, NON C'E' ACCORDO SUI PREMI. ACCUSE TRA FIR E AZZURRI
Scoppia la polemica tra gli azzurri del rugby e la Fir in vista della prossima Coppa del Mondo in programma a settembre dopo il mancato accordo sui premi. La Federazione ha infatti reso noto che i giocatori avevano lasciato il ritiro della nazionale a Villabassa, in Alto Adige. La nazionale sembra si sia rifiutata di scendere in campo tornando a casa, dopo che la Fir ha rivisto al ribasso i premi, legandoli ai risultati e non alla sola presenza in squadra: in seguito gli atleti hanno smentito il tutto accusando la Fir di dire il falso.

Pronta è stata la replica dei giocatori attraverso la Gira, Giocatori d'Italia Rugby Associati, il sindacato dei rugbisti, in una nota pubblicata sul profilo Facebook dell'associazione  "Clamorosa dichiarazione inveritiera della F.I.R.: i giocatori si sono tutti presentati al raduno e resteranno al raduno! A questo punto chi si è assunto al responsabilità di fare un comunicato lesivo dell'onore e del decoro sportivo di ben 40 atleti nazionali di rugby, si assumerà le proprie responsabilità di fronte agli organi di giustizia sportivi e ordinari". "La verità e tutta un'altra: stamattina i giocatori hanno chiesto un incontro al Presidente Gavazzi, il quale l'ha negato per impegni personali. Vista la situazione generale, i responsabili della F.I.R. hanno dichiarato lo scioglimento del raduno invitando i giocatori ad andarsene" afferma la Gira.

"Sono deluso dall'atteggiamento assunto dagli atleti - ha dichiarato il Presidente federale Alfredo Gavazzi - non tanto per la situazione contingente ma perchè tale decisione denota la non volontà di investire sulle proprie capacità sportive".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"