VENERDÌ 03 LUGLIO 2015, 19:00, IN TERRIS

CAMBIAMENTI IN FORMULA 1: STRATEGY GROUP RIUNITO PER DISCUTERE NUOVE NORME

Tra le novità: dal Gran Premio di Belgio i piloti scatteranno senza ausili, concessa una power unit in più alla Honda come new entry

REDAZIONE
CAMBIAMENTI IN FORMULA 1: STRATEGY GROUP RIUNITO PER DISCUTERE NUOVE NORME
CAMBIAMENTI IN FORMULA 1: STRATEGY GROUP RIUNITO PER DISCUTERE NUOVE NORME
I sei team membri dello Strategy Group, più Bernie Ecclestone e Jean Todt, si sono riuniti a Londra per discutere sul regolamento che entrerà in vigore nel 2017, il cui obiettivo sarà quello di rendere le vetture di Formula 1 più veloci e i Gp più imprevedibili. Dopo la diffusione dei dati emersi dal sondaggio promosso dalla Grand Prix Driver Association,a cui hanno partecipato migliaia di tifosi da tutto il mondo, lo Strategy Group ha esaminato ventotto proposte avanzate durante la tavola rotonda tenutasi a Biggin Hill e alcune di queste saranno già ratificate a brevissimo.

"Ha ricevuto supporto unanime la proposta di aumentare le restrizioni sugli aiuti ai piloti- si legge nel comunicato dello Strategy Group. Per questo -saranno implementate da subito, a partire dal prossimo Gran Premio del Belgio, con particolare enfasi sulle partenze”. Già dal Gran Premio del Belgio del prossimo agosto, il controllo elettronico della partenza sparirà e il pilota dovrà effettuare la procedura manualmente, senza l'ausilio dell'elettronica. I riflessi e la bravura del pilota, dunque, saranno immediatamente messe in risalto. Inoltre i nuovi motoristi che entreranno in F1 avranno la possibilità di utilizzare un'unità di potenza in più, senza incorrere in penalità, rispetto ai rivali. Questo vale anche anche per la Honda, poiché è stato deciso di dare valenza retroattiva a questa nuova norma che - lo ricordiamo - deve però essere ancora approvata dal Consiglio Mondiale della Fia. “E’ stato raggiunto un accordo unanime- si legge ancora - per sottoporre la modifica delle penalizzazione alla F1 Commissione perché voti la proposta via fax nella riunione di Città del Messico della prossima settimana”.

Proprio l'ente di Governance si riunirà e in quella occasione dovrebbe anche essere approvata la modifica al regolamento sportivo in tema di sostituzione dei motori, che eviterà il ripetersi di situazioni assurde come quella avuta in Austria dove, per la miriade di pene inflitte, la stessa Federazione ha avuto non poche difficoltà nel definire la griglia di partenza ufficiale. Tra le novità da ratificare, in vista del 2016, anche il doppio scarico, pensato in modo da aumentare i decibel del rombo dei motori: uno per il 6 cilindri turbo e il secondo per la componente elettrica. Approvata anche l’idea lanciata dalla Force India per la scelta delle gomme. “E’ stata confermata una maggiore libertà di scelta delle mescole" Le squadre, dunque, potranno scegliere gara per gara quale tipo di gomme utilizzare. Certo, ci sarà un incremento dei costi, ma se la decisione dovrà essere annunciata con largo anticipo rispetto al weekend del gran premio l’impatto potrà essere ridotto.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione