LUNEDÌ 27 APRILE 2015, 10:06, IN TERRIS

DOMENICA DI FOLLIA NEGLI STADI. ALFANO: "NESSUNA CLEMENZA"

Violenza nel derby: assalto il pullman della Juve, poi lancio di bombe carta verso i tifosi granata, 11 feriti

AUTORE OSPITE
DOMENICA DI FOLLIA NEGLI STADI. ALFANO:
DOMENICA DI FOLLIA NEGLI STADI. ALFANO: "NESSUNA CLEMENZA"
Ciro Esposito è morto per un colpo di pistola sparato ad altezza d'uomo che lo ha raggiunto alla schiena. Era il 3 maggio 2014. A un anno di distanza quell'ennesima tragedia non ha insegnato nulla. Il mondo del calcio continua a proporre il peggio di sé e della società italiana, aspettando un'altra vittima, una nuova tragedia. Dentro e fuori dal campo, dentro e fuori dagli spogliatoi è un susseguirsi di violenze, offese, provocazioni, aggressioni. Ormai fanno notizia solo le più gravi, quelle dove ci scappa il ferito quando non addirittura il morto. E la cronaca di quest'ultima domenica di aprile è lì a testimoniare a che livello di aberrazione siamo arrivati.

Come un esercito pronto a sorprendere il nemico, così alcune centinaia di tifosi del Torino hanno colpito il pullman della Juventus in via Filadelfia, nei pressi dello stadio Olimpico. Qualcuno ha tentato perfino di bloccare la strada, ma l'autista ha accelerato e i tifosi si sono scansati colpendolo comunque con calci, pugni, uova, sassi e bottiglie. All'arrivo l'autobus ha riportato diverse ammaccature e un vetro rotto, e sebbene per i giocatori bianconeri non ci siano state conseguenze, l'assalto al pullman è stato solo un assaggio di quanto sarebbe accaduto poco più tardi.

L'episodio più grave infatti si è verificato all'interno dello stadio con l'esplosione di una "bomba carta" durante la partita. Secondo i soccorritori del 118 ci sarebbero 10 feriti di cui due in gravi condizioni. "Nessuna clemenza verso i nemici dello sport: questi sono i teppisti che vorrebbero rovinare una passione" ha detto il ministro degli Interni, Angelino Alfano, assicurando che i responsabili di entrambi gli episodi saranno assicurati alla giustizia al più presto. "Sicuramente si è trattato di un fatto di grave violenza", ha commentato Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, "deplorevole, secondo me preventivabile, frutto anche di alcuni giornalisti che spesso usano un linguaggio contro di noi, non valutando quelli che sono invece i meriti sportivi".

"E' normale che poi la conseguenza della gente sia questa", ha continuato il dirigente ai microfoni di Sky Sport. “La speranza è che non si arrivi veramente a un fatto grave di cui poi tutti noi dovremo pentircene”. Marotta ha chiarito poi l’oggetto della sua polemica: "Basta leggere un pezzo di stamattina su un autorevole quotidiano sportivo in cui veniamo tacciati di essere dei ladri".

A quanto pare però, la violenza ha segnato anche un altro incontro, quello tra Atalanta ed Empoli (2-2). Prima un battibecco in campo, poi la rissa nel tunnel che porta agli spogliatoi dove l'attaccante argentino Denis ha sferrato un pugno a Tonelli ferendolo al volto e al naso. Sull’episodio è intervenuto anche Pierpaolo Marino, il dg dell’Atalanta: “Denis ha avuto una reazione scomposta ma Tonelli in campo e nel tunnel l’aveva minacciato di morte. Non solo lui ma anche famiglia e figli. Denis non è un pazzo – ha detto – ha giocato 225 partite in serie A. È stato provocato, ha sbagliato ma sono avvertimenti di tipo mafioso”.

Nelle ultime settimane il mondo del calcio italiano ha dovuto assistere ad altri episodi da condannare. Lo scorso 17 aprile il ritiro del Cagliari, prima della gara contro il Napoli, è stato assaltato da un gruppo di ultras rossoblu. I giocatori del club sardo sono stati spintonati, insultati e schiaffeggiati. L'accusa era quella di "non impegnarsi abbastanza" per la maglia. Un simbolo eletto a divinità dalle frange più estreme del tifo. "I calciatori sono choccati" aveva commentato Zdenek Zeman, allora ancora mister della squadra. Negli stessi giorni si faceva più duro lo scontro tra la Curva Sud della Roma e il presidente James Pallotta, colpevole secondo gli ultras, di averli definiti "fottuti idioti" dopo i vergognosi striscioni contro la madre di Ciro Esposito durante la partita con il Napoli. "Il calcio non può essere condizionato dal tribunale dei tifosi" aveva detto Fabio Capello. Un'affermazione su cui sarebbe giusto riflettere.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018