Calcio: i 20 tornei con più tifosi, l’Italia arranca dietro l’India

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:37

Ha fatto notizia un comunicato dell’ufficio stampa del campionato di calcio indiano che riportava, dati alla mano, che la neonata Indian Super League ha raggiunto la strabiliante cifra di un milione di spettatori dopo appena sei settimane. L’annuncio, visto così, può sembrare un dato come tanti ma la curiosità che lascia a bocca aperta è che il nostro campionato italiano di Seria A, in termini di presenze negli stadi, si trova più basso in classifica.

E’ vero che se si rapporta il numero di abitanti tra India e Italia la prima vince senza fatica ma allo stesso tempo il dato è interessante proprio perché si tratta di un Paese in via di sviluppo soprattutto nell’ambito sportivo. Nei 20 tornei più seguiti al mondo, la Serie A si piazza al settimo posto, dietro non soltanto al campionato indiano, ma anche a quello messicano. L’affluenza media è di 22.376 spettatori, la quarta in Europa dopo Bundesliga, Premier League e Liga.

A primeggiare questa speciale classifica ci sono paesi come Germania e Inghilterra dove molti dei loro club sono considerati il top del calcio. Gli unici che riescono a far entrare in questa classifica non soltanto le prime divisioni, ma anche le seconde: la Zweite Bundesliga si piazza tredicesima, davanti alla Championship con, rispettivamente, 17600 e 17415 spettatori medi. Ma non è solo la passione sportiva a fare la differenza bensì l’organizzazione: in Italia gli stadi risultano vecchi e da ristrutturare. Molte delle ultime modifiche vennero effettuate addirittura durante i Mondiali di Italia ’90 il che lascia perplessi. Dunque non si può che fare i complimenti alla neonata India che forse nel suo piccolo ha qualcosa da insegnarci.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.