MARTEDÌ 19 MAGGIO 2015, 008:32, IN TERRIS

CALCIO, DIRITTI TV: SOSPETTI DI ACCORDI ANTI-CONCORRENZA

Ispezioni della Guardia di Finanza in Lega calcio serie A e in sedi di alcune pay-tv

REDAZIONE
CALCIO, DIRITTI TV: SOSPETTI DI ACCORDI ANTI-CONCORRENZA
CALCIO, DIRITTI TV: SOSPETTI DI ACCORDI ANTI-CONCORRENZA
E' partita un'inchiesta sulla vendita dei diritti televisivi per le stagioni calcistiche 2015-2018 conclusa nel giugno 2014. I finanzieri del nucleo speciale Tutela Mercati, d'intesa con l'Autorità Garante della Concorrenza, stanno eseguendo ispezioni a Milano e Roma presso le sedi della Lega calcio di serie A e di alcune pay-tv: Infront Italy, Mediaset, Mediaset Premium, Sky Italia e Reti Televisive Italiane.

L'ipotesi investigativa all'esame di Antitrust e Guardia di Finanza è che l'esito finale della vendita dei diritti, espletata dalla Lega calcio nel giugno 2014, sia stato alterata da un accordo restrittivo della concorrenza.  Tale accordo, secondo l'ipotesi investigativa, sarebbe avvenuto fra i principali operatori attivi a livello nazionale sul mercato delle pay-tv, vale a dire Sky e Mediaset: la stessa Lega calcio, in violazione di disposizioni europee, avrebbe favorito gli accordi.

La gara per l'assegnazione si è conclusa il 26 giugno dello scorso anno. Nell'asta Mediaset si era aggiudicata i diritti per trasmettere le 248 partite in diretta delle otto squadre italiane più importanti, oltre alla Diretta Premium dai campi e agli highlights di tutti gli incontri. Sky invece tutti i match dei campionati di Serie A 2015-18 via satellite per 572 milioni, mentre a Mediaset il pacchetto con le partite delle migliori squadre per 373 milioni. Quest'ultima inoltre aveva preso le 132 partite delle cosiddette squadre minori in modalità multipiattaforma per circa 300 milioni. L'intesa raggiunta contestualmente con Sky prevedeva che questo pacchetto di partite, in caso di via libera dell'Agcom, sarebbe stato ceduto dal gruppo di Cologno Monzese a Sky Italia. Successivamente all'intesa per lo scambio di pacchetti, arrivato dall'Agcom il 18 luglio 2014, Sky Italia ha completato il proprio portafoglio di partite per offrire tutti i match dei tre campionati italiani. Complessivamente Sky Italia ha speso circa 570 milioni per tutti i match e Mediaset circa 370 milioni per il pacchetto delle big. L'incasso per la Lega Calcio serie A sarebbe stato inferiore di oltre 120 milioni di euro rispetto alle attese che, stando alle indicazioni riportate dalla stampa, erano per 1 miliardo di euro.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Facebook
SOCIAL MEDIA E FISCO

Svolta Facebook: pagherà le tasse dove incassa

Il colosso di Menlo Park passerà a un sistema di vendite locali
Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni (repertorio)
VERSO IL VOTO

Elezioni il 4 marzo, l'annuncio prima di Capodanno

Lo riporta il Corriere della Sera. Gentiloni l'antidoto di Mattarella allo "scenario spagnolo"
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...