BOXE: MAYWEATHER A CACCIA DEL RECORD DI MARCIANO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:51

Sale l’attesa per quello che potrebbe essere l’ultimo incontro di Floyd Mayweather. Il pugile statunitense tenterà di raggiungere il record storico di Rocky Marciano di 49 vittorie e 0 sconfitte che dura dal 1956. A sfidare il campione del mondo nel match programmato per il 12 settembre sarà il trentenne di origine haitiana Andre Berto, che attualmente detiene il titolo WBA dei pesi welter ed ha raccolto nella sua carriera professionista 30 vittorie e 3 sconfitte. In un tweet intanto Berto si è già detto pronto ad affrontare il rivale.

È già in moto nel frattempo la macchina mediatica, che ha fatto dell’ultimo incontro di Mayweather contro Manny Pacquiao l’incontro più visto della storia, registrando incassi senza precedenti, un record di 500 milioni di dollari. Il fratello più piccolo di Rocky Marciano – Peter Marciano – ha dichiarato alla stampa, senza andare per il sottile, che gli piacerebbe veder perdere Mayweather, nella sua replica alle parole del padre di “Mr. Money” che ha detto parlando del campione italo-americano: “nella sua carriera non ha battuto nessun nome, a parte Joe Louis vecchio”.

Nel match del 12 settembre all’Mgm Grand Garden Arena di Las Vegas, i lottatori si sfideranno per i titoli WBA e WBC dei pesi welter. Il campione del mondo ha già annunciato ai media che questo sarà il suo ultimo incontro. “Non ho rimpianti, vado in pensione. Lascio quando ho deciso di lasciare, cosa che molti pugili non hanno potuto fare. Ho avuto una grande carriera, ho vinto titoli mondiali ma la boxe lascia tracce nel corpo: ora è tempo di smettere”, ha spiegato Mayweather ma ci sono voci di contratti preesistenti che lo obbligherebbero a continuare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.