BOLT: “COMINCIANO I MONDIALI MA SI PARLA SOLO DI DOPING”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:15

Da Pechino, dove a breve cominceranno i Mondiali di Atletica (22-30 agosto), parla Usain Bolt: “La questione del doping è diventata veramente il centro di tutto. Nelle ultime settimane ho sentito parlare e ho letto solo di doping, doping e doping. E anche qui, adesso, la maggior parte delle domande che mi fate è su questo argomento, ed è davvero triste considerando che siamo all’antivigilia dei Mondiali, e si dovrebbe parlare anche delle gare. Ma non posso farci niente, siete voi che scrivete”.

Il campione giamaicano, sottoposto a vari controlli, e risultato sempre negativo, si sente il “simbolo” dello sport pulito, probabilmente si sente chiamato a ripulire l’immagine dell’atletica: “Tutti coloro che gareggiano rispettando le regole della Iaaf e della Wada devono fare la loro parte. Io corro per me stesso, è ciò che faccio, e sono gli altri a dire che il mio sport ha bisogno che io vinca, perchè ho gareggiato pulito durante tutta la mia carriera. Ma salvare il nostro sport è una responsabilità di tutti gli atleti, ognuno di noi dovrebbe far vedere che si può andare avanti senza bisogno del doping, non è una responsabilità soltanto mia. Io faccio ciò che è giusto, seguo le regole, ma tutti devono capire che il segreto per andare più forte ed essere competitivi è lavorare duro. E’ questo che farà del mondo dello sport un posto migliore”.

Bolt, nella finale di domenica, ore 15, ora italiana rischia di trovarsi di fronte rivali come Asafa Powell, Justin Gatlin e Tyson Gay, che sono tutti reduci da squalifiche per doping. Il campione commenta: “Le regole sono queste, non le ho fatte io, e stabiliscono che dopo aver scontato la pena uno può tornare a gareggiare. Gatlin sarà in pista, e io devo pensare a batterlo, senza preoccuparmi dei problemi che ha avuto. L’importante è che sia ben concentrato su ciò che devo fare io”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.