AMICHEVOLE AMARA COL PORTOGALLO, AZZURRI NEI GUAI PER RUSSIA 2018

Logo Interris - AMICHEVOLE AMARA COL PORTOGALLO, AZZURRI NEI GUAI PER RUSSIA 2018
Logo INTERRIS in sostituzione per l'articolo: AMICHEVOLE AMARA COL PORTOGALLO, AZZURRI NEI GUAI PER RUSSIA 2018

Una sconfitta che sa di beffa. La prima uscita a vuoto dell’era Conte costa agli azzurri il posto da testa di serie per i mondiali di Russia 2018. Vince il Portogallo con un gol di Eder. E pensare che per l’Italia le cose sembrano mettersi subito bene.  Dopo pochi minuti Pirlo impegna su punizione Beto, che respinge con i pugni. Gli azzurri tengono in mano le redini del gioco. Si mette in evidenza Bertolacci, il genoano scarica il sinistro dopo una corta respinta della difesa portoghese ma non inquadra la porta. Quindi è El Shaarawy a rendersi pericoloso sugli sviluppi di un contropiede: bel destro a giro del ‘Faraone’ da dentro l’area, la sfera esce di pochissimo. I ritmi non sono irresistibili, né da una parte né dall’altra. Gradualmente sale di intensità il Portogallo.

Alla mezz’ora lusitani pericolosi con un sinistro dal limite di Varela, favorito da un errore di Sirigu che si fa soffiare palla da Eder: Ranocchia salva a porta vuota. Poi è l’interista a regalare un brivido agli azzurri sbagliando il disimpegno e regalando palla a Mourinho: la conclusione però è facile preda, in due tempi, di Sirigu. Ad inizio ripresa ci prova Soriano da fuori area: la palla sorvola la traversa. Poco dopo azzurri sfortunati: sulla punizione calciata da Pirlo, Bonucci va di testa ma trova il palo a Beto immobile. Trascorrono due minuti e il Portogallo sblocca il risultato: Eliseu per Quaresma sulla sinistra, l’ex Inter pennella il cross per Eder che in spaccata batte Sirigu infilando sotto la traversa di destro.

Conte richiama Soriano e Candreva, spazio a Vazquez e Gabbiadini. Ma sono ancora i lusitani ad affacciarsi nell’area italiana: Quaresma eccede nel dribbling, la difesa della Nazionale si salva. Darmian prova a scuotere i suoi: il torinista riceve da Pirlo e va di sinistro, palla a fil di palo. Prosegue il balletto dei cambi: nelle file azzurre entrano Sansone, Matri e Pasqual per El Shaarawy, Immobile e De Sciglio. Ma nemmeno le forze fresche riescono a rivitalizzare una Nazionale molto stanca. Una punizione a giro di Quaresma non inquadra lo specchio, così come il colpo di testa di Gabbiadini sul piazzato-cross di Pirlo. Parolo raccoglie il testimone da Bertolacci a centrocampo. Nel finale Portogallo vicino al raddoppio con una rovesciata di Eder sul traversone di Cedric, poi ghiotte occasioni per l’Italia per il pari: Beto dice ‘no’ al sinistro in girata di Gabbiadini, Matri centra l’esterno della rete con il destro e ancora il portiere lusitano si oppone alla grandissima sul mancino di controbalzo dalla distanza di Vazquez. Ultimo brivido con una mischia in area portoghese, ci prova Ranocchia ma la palla si spegne a lato.