Addio a Phil Masinga, bomber del Bari degli anni '90

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59

Settantacinque partite e 24 gol in Serie A: una media di tutto rispetto quella di Philemon “Phil” Masinga, bomber sudafricano del Bari tra la fine del Vecchio e l'inizio del Nuovo millennio. Si è spento oggi, ad appena 49 anni, al termine di una lunga malattia dalla quale era affetto da tempo. Una notizia accolta con dolore in Italia dove, fra il 1997 e il 2001, era riuscito a ritagliarsi un ruolo importante come “numero 9” (anche se indossava l'11) della società barese: nove gol il primo anno, 11 il secondo, per poi lasciar spazio al talento emergente di Antonio Cassano, complice anche un infortunio. Ventiquattro gol, sufficienti a conquistarsi l'affetto della tifoseria pugliese e la fiducia della nazionale sudafricana, con la quale si aggiudicò la Coppa d'Africa casalinga nel 1996, disputando da titolare la finalissima vinta 2-0 contro la Tunisia e realizzando una rete contro il Camerun, la prima del torneo. Nel suo curriculum, anche la partecipazione coi “Bafana bafana” ai Mondiali francesi del '98 (suo il gol che permise ai sudafricani di qualificarsi), per un totale di 58 presenze condite da ben 18 reti con la maglia della nazionale.

 

#show_tweet#

 

La carriera

L'annuncio della sua morte è arrivata proprio dalla Federcalcio sudafricana: nel suo ampio curriculum europeo, oltre a 14 presenze e 4 reti con la Salernitana nella Serie B del 1996-1997, anche l'esperienza in Inghilterra con la maglia del Leeds nella stagione '94-95 (31 presenze, 5 gol) e quella meno fortunata al San Gallo (10 presenze e 0 reti), l'ultima prima dell'approdo in Italia. La carriera la chiuse nel 2002, dopo due anni e valanghe di reti negli Emirati Arabi con l'Al-Wahda. Numeri importanti, che hanno fatto di Phil Masinga uno dei giocatori africani più celebri degli anni '90 e dei primi anni 2000 e uno dei bomber più amati dalla tifoseria del Bari, protagonista di uno dei periodi più belli vissuti dalla società pugliese in massima Serie.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.