MARTEDÌ 12 FEBBRAIO 2019, 14:54, IN TERRIS


CALCIO

Addio a Gordon Banks, l'uomo volante che fermò Pelè

Numero uno dell'Inghilterra campione del mondo, quell'intervento su O'Rey definito il migliore nella storia

REDAZIONE
Gordon Banks
Gordon Banks
G

ordon Banks, ovvero come fare la storia in guantoni e reattività. Il grande portiere inglese, numero uno dell'Inghilterra campione del mondo nel 1966 è scomparso oggi, all'età di 81 anni. Di lui, gli appassionati più anziani hanno in testa due flashback, scatti in bianco e nero di momenti in grado di attraversare le epoche: la Coppa Rimet sollevata al cielo d'Inghilterra davanti alla regina e quel riflesso prodigioso in grado di spegnere sul nascere l'esultanza di Pelè a Messico '70. Per molti la più bella parata della storia del calcio, più di quella di Buffon su Zidane o del suo quasi ominimo Craig Gordon su Knight in Sunderland-Bolton, definita la più bella della Premier League. Bella perché difficile, perché su Pelè, perché fatta a un Mondiale... Ma bella anche per il suo riflesso, mostruoso, segno di un talento fuori del comune. E poco importa che, alla fine, il Brasile vinse per 1-0 (gol di Jairzinho).


La carriera

Pur considerata la più bella nella storia del calcio, sarebbe estremamente riduttivo circoscrivere la carriera di Gordon Banks alla prodezza contro il Brasile. Alle sue spalle, un percorso lunghissimo (seppure avaro di titoli) in quella che oggi è la Premier League, bandiera del Leicester prima (293 partite in campionato), dello Stoke City poi (194), oltre a 73 presenze con la Nazionale. Di quella cavalcata discussa e trionfale verso il successo iridato del 1966 fu protagonista assoluto, incassando solo tre reti in tutta la competizione, due in finale contro la Germania, poi vinta 3-2 con la tripletta di Geoff Hurst e il suo famosissimo gol-fantasma, progenitore di tutti gli episodi "da moviola". Il calcio lo lasciò quasi per forza, quando avrebbe avuto ancora parecchio da dare, a causa di un incidente stradale dal quale non riuscì a riprendersi mai del tutto.


Riflessi da portiere

Di lui resta il ricordo, nitido, di chi contribuì a rendere leggendaria l'aura che circonda il ruolo del portiere. Quell'intervento Pelè fece fatica a spiegarselo: rivelò che lì per lì lo odiò sportivamente ma fu il primo a congratularsi, tornando verso il centrocampo, si dice, ancora chiedendosi che cosa fosse successo. Gordon Banks di pieghe non ne fece nemmeno una. Il suo unico rammarico, probabilmente, non fu prendere il gol di Jairzinho che decretò il successo del Brasile ma quello di non poter giocare il quarto di finale contro la Germania Ovest. Quello della rivincita.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Conferenza Parole Guerriere alla Camera
LA RAI DEL CAMBIAMENTO

Foa: "Valorizzare l'informazione alternativa"

Il presidente del servizio pubblico ha partecipato al seminario del M5s "Parole guerriere"
Migranti minori in Italia
RAPPORTO MINORI MIGRANTI IN ITALIA

Unicef: "Obiettivo 2019, raggiungere 6mila ragazzi"

"Manca il 30% dei fondi necessari per raggiungere questi risultati"
SCUOLA

Studenti in piazza contro il nuovo esame di maturità

Gli alunni: "Bocciamo il governo"
Matteo Messina Denaro
CAMPOBELLO DI MAZARA (TP)

Soldi alla famiglia di Messina Denaro: 3 fermi

Un avviso di garanzia è stato notificato al deputato regionale di Forza Italia Stefano Pellegrino
I manifesti contro Juncker e Soros
PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese
Gianfranco Duini e la vittima, Claudia Bortolozzo
MARGHERA (VE)

Uomo uccide la moglie, poi si costituisce

Gianfranco Duini, 43enne, ha accoltellato la consorte, Claudia Bortolozzo di 52