11 settembre: Santa Sperandia di Cingoli e il miracolo delle ciliegie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28
Santa Sperandia di Cingoli

11 settembre: S. SPERANDIA DI CINGOLI Monaca benedettina Gubbio (Perugia), 1216 – Cingoli (Macerata), 11/09/1276

Avvenimenti

A 9 anni si sente l’ispirazione per abbracciare pienamente una vita dedita al Signore.

Superate le resistenze dei genitori, lascia la casa paterna e si trasferisce nelle zone montuose vicino a Gubbio per una vita di solitudine, preghiera e penitenza.

Come pellegrina visita Roma, Venezia, Spoleto, Fossato di Vico e Fabriano. La tradizione vuole che abbia visitato anche la Terra Santa.

La vita errante gli permette di recarsi in numerose città e borghi e di diffondere la fede con la parola, l’esempio e le meraviglie.

Trascorre gli ultimi anni a Cingoli, dove entra nel monastero benedettino di San Michele e viene eletta badessa: con l’esempio della sua santità, rinvigorisce la vita delle monache.

Aneddoti

All’età di 9 anni, Gesù le appare e le rivela che deve lasciare andare i beni materiali per aderire radicalmente al messaggio evangelico

Durante il mese di gennaio, Sperandia affida a dei muratori la ristrutturazione del monastero. Dopo aver dato loro da mangiare, chiede se hanno bisogno di qualcos’altro e questi dicono che vorrebbero delle ciliegie fresche. La Santa si mette in preghiera: un angelo le porta un cesto di ciliegie e Sperandia subito le offre agli scalpellini che, sbalorditi per il miracolo, si avvicinano, chiedendole perdono per l’assurda richiesta fatta.

Spiritualità

Grande devozione alla Passione di Gesù. Generosa carità verso i bisognosi. Capacità di convertire i peccatori. Spirito di pacificazione: riporta armonia tra le fazioni opposte.

Morte

Muore l’11 settembre 1276 e è subito acclamata come santa. Il suo culto è riconosciuto nel 1635. Il suo corpo incorrotto è venerato nel monastero benedettino di Santa Sperandia di Cingoli (Macerata).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.