Sante Seconda e Rufina, condannate al martirio per non aver abiurato la loro fede

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

Sante Seconda e Rufina, martiri, Roma 260. Sorelle romane, figlie di un certo Asterio, sono entrambe promesse in matrimonio: Seconda a Verinus, Rufina ad Armentarius, anche loro di fede cristiana. Le due sorelle decidono di fare il voto di verginità nel momento in cui i rispettivi fidanzati, per paura del martirio, abiurano la fede cristiana.

Morte

Vengono denunciate come cristiane al prefetto Giunio Donato che, non riuscendo a convincerle a fare sacrifici agli dei pagani, le condanna al martirio nel 260. Condotte sulla via Aurelia, a dodici miglia da Roma, in una foresta chiamata “Silva Nigra” (Foresta Nera), Seconda viene uccisa a colpi di bastone, mentre Rufina mediante decapitazione. Plautilla, matrona romana, le seppellisce nel luogo del martirio, poi chiamato “Silva Candida” (Foresta Candida), e si converte alla fede cristiana. I resti mortali delle due sorelle martiri sono venerati dal 1153 nel Battistero Lateranense di Roma.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.