San Serapio, primo martire dell’ordine Mercedario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

San Serapio (Serapione), laico Mercedario e martire, nasce a Londra nel 1179 circa, muore ad Algeri il 14 novembre 1240.

Proviene da una nobile famiglia: il padre è capitano della corte di Enrico II di Inghilterra. Partecipa sia alla terza crociata (con l’imperatore Federico Barbarossa e il re Riccardo Cuor di Leone) sia alla quarta (con Leopoldo X duca d’Austria).

Avvenimenti

  • Recandosi in Spagna per combattere contro i mori, conosce san Pietro Nolasco e nel 1222 diventa cavaliere laico mercenario. Il fondatore lo nomina maestro dei novizi: dalla sua scuola esce san Raimondo Nonnato.
  • E’ il primo martire dell’ordine Mercedario.

Morte

Recatori in Algeria, incontra uno schiavo cristiano che è deciso a rinnegare la fede pur di tornare in libertà. Serapio, per non fargli rinnegare Cristo e dargli la libertà, si offre al suo posto come schiavo. La somma per il suo riscatto non arriva in tempo: viene crocifisso a una croce a “x” e poi squartato. Il suo culto è confermato nel 1625; la canonizzazione arriva nel 1743.

Iconografia

E’ raffigurato legato al patibolo con l’abito dei Mercedari.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.