Oggi è san Guido di Anderlecht, il pellegrino più amato del Belgio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06
San Guido di Anderlecht

12 settembre: S. GUIDO DI ANDERLECHT Pellegrino. Anderlecht (Belgio), 950 – Anderlecht, 1012 ca.

Guido proviene da una famiglia di contadini del Brabante. Si trasferisce a Laken, vicino a Bruxelles, dove diventa sagrestano.

Avvenimenti

Cerca di aiutare chi ha bisogno, prima raccogliendo l’elemosina e poi aprendo un’attività commerciale, ma la prima nave, piena di merci, affonda nella Senna.

Avendo perso il denaro e il lavoro, inizia a pellegrinare di santuario in santuario, raggiungendo Gerusalemme.

È uno dei santi più venerati del Belgio.

È il patrono dei sagrestani, dei campanari e dei cocchieri.

Spiritualità

Ama la povertà estrema e chiede al Signore la grazia di poterla amare sempre di più. Grande generosità verso i bisognosi. Diffonde il messaggio evangelico in tutta la sua radicalità con umiltà, ma anche con determinazione, tanto che alcuni agiografi lo considerano un precursore di Francesco d’Assisi.

Morte

Dopo sette anni di faticoso pellegrinaggio, torna stanco e ammalato nella sua città natale: alloggia in una casa parrocchiale e muore dopo poco tempo. Sulla sua tomba avvengono numerosi miracoli, quindi il suo culto si diffonde rapidamente. Le sue reliquie sono venerate nella Collegiata di Anderlecht.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.