San Gaudenzio di Rimini: dove è conservata la reliquia del suo cranio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10

San Gaudenzio di Rimini, vescovo, martire e patrono di Rimini. Efeso (Turchia), 280 ca.-Rimini, 14/10/360. Poche le notizie storiche sulla sua vita. Proviene da una famiglia agiata e cristiana, dalla quale riceve una valida educazione.

Avvenimenti

• Dopo che i suoi genitori vengono uccisi da manichei, si reca a Roma. Riceve il Battesimo e poi viene ordinato sacerdote.

• Consacrato vescovo, è inviato a Rimini.

• Nel 359 partecipa al concilio di Rimini, istituito per condannare Ario, al cui termine si ritira con altri diciassette vescovi in una piccola località vicina che viene chiamata “La Cattolica”. Rientrato a Rimini, continua la sua lotta contro l’arianesimo.

È lui a conferire il diaconato a san Marino, colui che ha fondato la vicina Repubblica.

Morte

Secondo la tradizione, muore martire per la fede: fatto arrestare dal preside dell’imperatore Costanzo, ma sottratto ai romani dagli ariani, viene da loro sottoposto a linciaggio. La regina longobarda Teodolinda, per proteggere le sue reliquie dalle incursioni barbariche, nel 590 le fa trasferire da Rimini a Senigallia e da li a Ostra, dove tutt’ora si trovano. La reliquia del cranio è conservata a Rimini.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.