Oggi è S. Regina di Alise, la santa che convertì i Galli al cristianesimo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:07
Santa Regina di Alise

7 settembre S. REGINA DI ALISE Vergine e martire m. Alise (Francia), 286 ca.

Nonostante le poche (e del tutto leggendarie) notizie sulla sua vita, il culto di Santa Regina ha una straordinaria diffusione, non solo in Francia, ma anche in Germania. Nasce e vive ad Alise (vicino ad Autun), luogo in cui il capo dei Galli Vercingetorige viene vinto e imprigionato da Giulio Cesare. La madre muore nel darla alla luce: viene allevata da una nutrice, che la educa alla fede cristiana. Quando il padre Olibrio, pagano e personaggio importante in Gallia, apprende come la figlia abbia abbracciato la fede cristiana, la caccia di casa. Regina si trasferisce, allora, dalla nutrice: per vivere è costretta a pascolare le pecore.

La morte leggendaria

Ci sono due versioni leggendarie sulla sua morte. La prima racconta che il padre, non riuscendo nel suo intento di farle abiurare la fede cristiana, dopo averla fatta imprigionare e torturare, la faccia decapitare. L’altra narra come venga chiesta in sposa dal prefetto locale e come lei, consacratasi al Signore, rifiuti decisamente. Viene imprigionata e torturata: durante la notte ha una visione della croce e sente una voce dirle che le sue sofferenze sarebbero presto finite. Il mattino dopo viene di nuovo torturata e poi decapitata. Molte persone presenti al suo martirio si convertono alla fede cristiana, quando vedono una colomba bianca vibrare in volo sopra di lei, mentre la Santa sta rendendo l’anima a Dio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.