Quel giglio che sbocciò sulle labbra della Beata Elena Enselmini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10

Beata Elena Enselmini, clarissa, nasce a Padova nel 1208 e muore a Padova il 4 novembre 1231.

Proviene da una nobile famiglia. I genitori, molto religiosi, non solo la educano a una profonda fede cristiana, ma si rallegrano quando la giovinetta manifesta loro il desiderio di abbracciare la vita consacrata.

Avvenimenti

  • Nel 1220, san Francesco, mentre si trova a Padova, fonda il convento dell’Arcella nei pressi della città e dà a Elena, appena tredicenne, l’abito delle clarisse.
  • La Beata conosce anche Antonio, che diventa il suo direttore spirituale, quando questi si trasferisce a Padova come ministro provinciale.
  • Per sei anni vive spiritualmente serena e gioiosa, nonostante l’austerità e la rigorosa povertà

Spiritualità

Grande devozione alla Passione di Cristo. Sopporta, con grande fortezza cristiana e rassegnata al volere divino, grandi sofferenze fisiche e “la notte oscura dello spirito”, che si prolunga per vari anni. Lascia scritti di alta spiritualità.

Morte

Nel 1230 è colpita da violenti attacchi febbrili e poi da una paralisi quasi totale; rimane lucida mentalmente, ma impedita nella parola e costretta a comunicare a gesti. Muore, santamente, dopo aver trascorso quindici mesi sul suo duro giaciglio.

La leggenda racconta che sulle labbra senza vita sboccia un giglio simbolo della purezza angelica. La fama della sua santità si diffonde rapidamente subito dopo la sua morte. Raccontano che il suo corpo rimanga a lungo incorrotto e che i capelli e le unghie, per molto tempo, continuano a crescere.

Suo grande devoto è san Gregorio Barbarigo, vescovo di Padova. Beatificata nel 1695, le sue reliquie sono venerate nel convento dell’Arcella dal 1957.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.