Ecco come nasce il bellissimo canto del Magnificat

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09

Visitazione della Beata Vergine Maria. Tale festa è introdotta dall’Ordine Francescano nel 1263 e confermata dal sinodo di Basilea nel 1441. In passato la Visitazione era celebrata il 2 luglio, oggi conclude il mese mariano: viene collocata nell’arco dei tre mesi fra l’Annunciazione e la nascita del Battista.

Celebra la carità e la generosità di Maria che, conservando nel cuore il grande mistero dell’Incarnazione, va a visitare sua cugina Elisabetta, dimostrando in tal modo che i tempi si sono compiuti. E’ la festa del Magnificat: Maria, “Teofora”, viene salutata da Elisabetta come Madre del Signore.

Il Vangelo di Luca narra che dopo l’Annunciazione Maria va a visitare la cugina, ormai anziana, che porta in grembo Giovanni Battista e che questo, esultando nel ventre materno, inizia così la sua missione di Precursore. Elisabetta, avvertendo il proprio bambino sussultare in grembo, intuisce i grandi misteri che avvolgono Maria ed esclama: «Benedetta sei tu tra le donne e benedetto il frutto del tuo seno». A queste parole Maria risponde con il bellissimo canto del Magnificat.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.