Beato angelo da Gualdo Tadino e il miracolo del biancospino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Beato Angelo da Gualdo Tadino era un Converso Camaldolese, nato a Gualdo Tadino nel 1270 e morto il 15 gennaio 1324.

Le origini

Proviene da una famiglia di piccoli possidenti terrieri. Gli viene affidata in età adolescenziale la custodia del gregge. Morti entrambi i genitori, effettua un pellegrinaggio a San Giacomo di Compostela che lo tiene lontano dala sua patria per due anni. Circa all’età di vent’anni entra nel monastero camaldolese di San Benedetto di Gualdo come converso.

Verso il 1300 ottiene il permesso dall’abate di ritirarsi a vita eremitica a Capodacqua e in seguito come anacoreta in Val Romore, località non lontane dal monastero. La sua profonda vita contemplativa viene interrotta da un continuo afflusso di persone di tutte le età e di ogni condizione sociale che hanno bisogno di essere aiutate, sostenute ed incoraggiate a superare e a sopportare le ardue prove della vita.

Avvenimenti e aneddoti

Alcuni pastori suoi compagni non hanno neppure un pezzo di pane da mangiare, Angelo con grande generosità dona quello che la madre prepara per lui, poi comincia a sottrarre di nascosto qualche fila di pane dalla madia. Un giorno la madre lo sorprende mentre sta mettendo del pane nella bisaccia per portarlo ai pastorelli bisognosi, ne nasce un alterco molto vivace: la madre dice al figlio di andarsene e di non tornare più a casa, il figlio preso dall’ira le risponde che, tornando la sera a casa, desidera non trovarla più viva.

La sera al ritorno col gregge viene a sapere che la madre è morta. Angelo non riesce mai a perdonarsi, anche dopo continua penitenza, di aver mancato di rispetto alla madre. Forse il Signore ha permesso questo triste avvenimento per spingere Angelo sulla via della santità.

Durante i funerali di Angelo, un indemoniato viene liberato dallo spirito maligno.

Spiritualità

Trascorre molto tempo davanti al Tabernacolo, si accosta frequentemente alla S. Comunione, mostra grande osservanza della regola, umiltà e obbedienza nell’eseguire quello che gli viene comandato, grande devozione alla Passione di Gesù e alla Santa Vergine.

Morte

Muore nel tardo pomeriggio del 15 gennaio 1324 nella solitudine del suo eremo, mentre le campane dell’abbazia di San Benedetto si mettono a suonare da sole. Al passaggio della salma di Angelo le siepi di biancospino, situate lungo la strada che porta la monastero di S. Benedetto, fioriscono.

Il miracolo si ripete anche oggi: la notte del 14 gennaio, nonostante le basse temperature della stagione invernale, le siepi di biancospino in quel tratto di strada, si coprono di numerosi germogli. E’ molto venerato dagli abitanti di Gualdo Tadino ed è compatrono della città insieme a S. Michele Arcangelo.

Tratto dal libro “I santi ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.