14 settembre: oggi si celebra l’esaltazione della Santa Croce di Cristo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56
Esaltazione della Santa Croce

14 settembre: ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE

La croce, simbolo del più terribile dei supplizi, è per il cristiano l’albero della vita, l’altare dove si realizza la Nuova Alleanza. Da strumento per la morte più infame, per il credente diventa simbolo di gloria e segno della fede. Ci ricorda che la glorificazione di Cristo passa attraverso la sofferenza: la croce è il segno, il distintivo, della nostra religione e la raffigurazione della nostra fede.

La festa serve a ricordare che ogni persona deve sopportare il peso della propria croce in unione a Gesù crocifisso: solo così, infatti, potrà partecipare alla gloria del Risorto.

Secondo la tradizione, sant’Elena, madre di Costantino durante un pellegrinaggio in Terra Santa nel 326, ritrova la vera croce di Cristo. Porta una parte della croce a Roma e la colloca nella basilica di Santa Croce in Gerusalemme, da lei fatta costruire. La parte rimasta a Gerusalemme viene depredata da Cosroe II re di Persia nel 614 durante l’occupazione di Gerusalemme.

L’imperatore Eraclio I nella crociata contro i persiani recupera la croce e la riporta trionfalmente a Gerusalemme nel 628: in quest’occasione viene istituita la festa. La reliquia viene sottratta al vescovo di Betlemme nel 1187 e se ne perde ogni traccia.

Costantino fa costruire una basilica sul Golgota e un’altra sul sepolcro di Gesù; la dedicazione di queste due basiliche avviene il 13 settembre del 335: il giorno successivo, il 14 settembre, viene commemorato il significativo ruolo di queste due chiese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.