Torniamo a riflettere sulle problematiche adolescenziali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11
giovani

Gentile direttore,

devo dire la verità, sono rimasta molto turbata dall’articolo che ho letto sul suo quotidiano, quello dove si parla di un gruppo di quattro ragazze di 15 anni che hanno tiranneggiato e picchiato una loro coetanea, postando poi i video sui social. Mi domando come sia possibile che i giovani abbiano dentro di loro così tanta rabbia.

Come è possibile arrivare a questo punto? Perché tanta violenza tra i giovani? Non riesco proprio a capirlo. Magari le mie potranno sembrare delle domande retoriche, alle quali purtroppo non riusciremo mai a dare una risposta. Credo, però, che parte di questa rabbia e violenza – e con questo non intendo dare nessuna giustificazione a questo tipo di episodi – possa dipendere dal fatto che i giovani, troppo spesso, vengono abbandonati a loro stessi. 

Noi genitori, forse siamo presi da troppe cose, non così importanti quanto l’educazione dei nostri figli. E’ ora di tornare a parlare di problematiche adolescenziali, mettendo in campo azioni concrete e di spessore.

Un caro saluto, Angelica P.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.