Quando un gesto può valere più di mille parole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

Grazie da parte di una donna per l’articolo in questione molto ben scritto, secondo me (Il caso diplomatico tra Ue e Turchia: niente sedia per Ursula Von Der Leyen, ndr). Una domanda però nasce spontanea, domanda alla quale come donne della UE abbiamo diritto a risposta.

Che differenza c’è tra il maschilismo dichiaratamente aperto di Erdogan e quello sotteso del Sig. Charles Michel presidente del Consiglio Europeo?

Il suo possibile gesto di lasciare il posto a Ursula Von Der Leyen avrebbe potuto essere il segno importante della posizione che la UE ha rispetto alla negazione dei diritti femminili in Turchia. Un gesto che avrebbe avuto il valore più di mille parole.

Questo non è successo e come donna non mi sento certamente fiera di essere rappresentata dal Sig. Charles Michel, spero che le donne presenti a casa sua glielo abbiano fatto notare al suo ritorno.

In ogni caso, secondo me, le donne europee hanno il dovere di chiedere scuse pubbliche da parte del Sig. Charles Michel ed il diritto di pretenderle.

Vi ringrazio per l’attenzione, Angela I.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.