Perché il nostro cibo non è sicuro?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09
povertà

Gentile direttore,

grazie per gli articoli che ogni giorno proponete alla nostra attenzione. Devo dire che mi ha molto incuriosito l’articolo della giornalista Milena Castigli: “Giornata cibo sicuro, Coldiretti: ‘In Italia un allarme al giorno’“. Come è possibile che corriamo il rischio di mangiare cibo per la nostra salute?

Sono impressionanti i dati che emergono dalla ricerca condotta dalla Coldiretti che segnala come la sicurezza alimentare non riguarda solo i Paesi in via di sviluppo, ma tutti quanti. Molti di questi prodotti sembrerebbero provenire dall’estero e allora mi chiedo: perché non compriamo di più i prodotti che vengono prodotti, coltivati o allevati nella nostra terra?

Oltre che guadagnarci in salute forse potremmo contribuire al rilancio di tante imprese o allevamenti che magari hanno sofferto a causa della pandemia. Grazie per il tempo che dedicherete alla lettura di queste mie riflessioni.

Angelica P.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.