Papa Francesco e l’intervista che mette a tacere gli avversari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:34
Non ho letto su In Terris dell’intervista che il Papa ha rilasciato alla radio spagnola, (o forse mi è sfuggita). Eppure consiglio di pubblicarla perché è molto chiara e mette a tacere i tanti chiacchieroni e ciarlatani che insinuano e inventano ogni giorno qualche storia per mettere Francesco in cattiva luce. Non avevo mai assistito ad un attacco mediatico così violento contro un pontefice. Sicuramente i social che oggi spadroneggiano riescono a diffondere qualsiasi notizia e sappiamo bene quante di queste siano fantasiose o addirittura diffamatorie. Certo che il Papa non si mette a querelare i suoi calunniatori però qualcuno per lui dovrebbe farlo!!
È possibile che chiunque possa apostrofarlo in qualunque modo senza il minimo rispetto. Ciò che mi scandalizza è che lo fanno anche certi fenomeni che si dichiarano orgogliosamente cattolici e che ogni giorno disseminano divisione e stanno sempre a giudicare e condannare ogni minima parola e azione del Papa. Per questi “veri cattolici” lui non sarebbe neanche il Papa appellandosi ai punti e alle virgole del famoso discorso che Benedetto XVI fece in latino per le sue dimissioni.
Comunque penso che sia vergognoso attaccarlo così sistematicamente, offenderlo, calunniarlo e addirittura augurargli la morte. Sono stata molto felice che il Papa abbia risposto che neanche ci pensa a dimettersi e che sta benissimo dopo l’intervento nonostante la convalescenza. È un uomo comunque di 84 anni con delle responsabilità enormi sulle spalle. Vorrei vedere questi chiacchieroni al suo posto. Certo è più facile tirare il sasso e poi nascondere la mano. Che triste però!!
Anita F.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.