Gli infermieri ai politici: “Noi indossiamo la mascherina, voi vergognatevi”

Il sindacato degli infermieri, Nursing Up, condanna l'atteggiamento di quanti snobbano l'uso della mascherina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:36

Solo chi ha lottato contro la morte può capire. Noi indossiamo la mascherina, voi vergognatevi”. E’ il duro monito che il sindacato Nursing Up lancia alla classe politica. Nei giorni scorsi un infermiere aveva pubblicato un post per condannare l’atteggiamento di quanti snobbano l’utilizzo della mascherina.

Si tratta “dell’ennesima pugnalata alle nostre spalle da parte di una classe dirigente lontana anni luce da quello che dovrebbe essere il modo corretto e sano di fare politica – scrivono i vertici di Nursing Up – Noi, oggi, come sindacato degli infermieri italiani, ci sentiamo in dovere di fare nostri in pieno i sentimenti di frustrazione e dolore di chi assiste ad atteggiamenti del genere”.

Per il sindacato, “quella classe politica che dovrebbe fare da garante, tutelare i nostri diritti di uomini e lavoratori, contribuire alla cultura della salute e che invece si mostra cieca e indifferente di fronte al dolore di chi ha lottato e alle legittime richieste di chi non si rassegna a un destino da ‘ultimi'”.

Non ci stiamo a questo gioco sulla nostra pelle, sulle nostre vite! Noi abbiamo vissuto il Covid, voi non sapete nemmeno cosa sia! Noi abbiamo combattuto il Covid, lo abbiamo affrontato da buoni soldati, non sempre uscendo vincitori ma senza mai recedere di un solo passo – si legge ancora nella nota -. Noi che eravamo in trincea senza nemmeno le armi di difesa, noi che dovevamo indossare camici da macellaio quando non avevamo alternative! Al di sopra di questo squallido teatrino, il volto di noi infermieri sofferenti ma combattivi e mai domi non dovreste dimenticarlo mai! Perchè è il volto di chi ha sorretto con le proprie mani il peso dell’emergenza”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.