Francia e Italia contro Lourdes? Una conferma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Pubblichiamo la riflessione-denuncia sulle difficoltà, sempre più grandi, che gli organizzatori dei pellegrinaggi con i malati al satuario di Lourdes devono affrontare. Don Flavio Bertoldi, assistente Unitalsi di Verona, ci ha scritto dopo aver letto il nostro articolo “Boicottati i viaggi a Lourdes”.

Sono don Flavio Bertoldi assistente Unitalsi di Verona. Nulla di nuovo sotto il sole da anni gli ammalati, non sono ospiti graditi e si fa di tutto per ostacolare il loro arrivo alla stazione di Lourdes. Quest’anno nell’annuale pellegrinaggio malati con 900 persone paganti in partenza da Verona il lunedì dopo Pasqua, come da tradizione causa sciopero personale ferrovie francesi annunciato il giovedì santo, arrivati a Ventimiglia abbiamo dovuto trasbordare da tutti i vagoni i malati e i Pellegrini e accomodarli su 20 autobus. Dovremmo nel tempo pensare ad autobus attrezzati arrendendoci alla mancanza di attenzione verso il più debole da parte di Francia ed Italia. La fede della gente e l’encomiabile disponibilità di volontari è più forte di questi ostacoli che ogni anno le autorità dei treni e i governi escogitano e pongono sui binari direzione Massabielle.

Don Flavio Bertoldi, assistente Unitalsi di Verona

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.