Cane pastore aggredisce due bimbi a Roma, il commento di un lettore

Il pastore olandese é sfuggito al controllo della proprietaria aggredendo un adulto e due bambini, rispettivamente di 9 e 6 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34
Un cane pastore olandese (immagine di repertorio)

“Ieri, a Roma, un cane ha aggredito due bambini in un parco“, scrive a In Terris un lettore, Remo P. Il fatto raccontato è accaduto nel pomeriggio di domenica 6 settembre in via Val Maggia, nella zona del Parco delle Valli.

A quanto ricostruito dalla polizia, un grosso cane, un pastore olandese, sembra sia sfuggito al controllo della proprietaria aggredendo senza motivo un adulto e due bambini, rispettivamente di 9 e 6 anni. Trasportati in ospedale, i bimbi sono stati refertati con 20 e 14 giorni di prognosi per varie lesioni. Identificata inoltre la proprietaria: una ragazza ventenne del posto.

Il pastore olandese

Il cane da pastore olandese è di carattere (in genere) docile e ubbidiente, affettuoso e molto vigile, nonché di notevole pazienza nei confronti dei bambini. Nonostante queste caratteristiche di razza, l’animale di ieri ha comunque attaccato tre persone senza apparente motivo ed era senza museruola e senza guinzaglio.

Il commento

“Il cane pastore che ha aggredito due bimbi non era al guinzaglio né aveva la museruola, nonostante fosse in un parco cittadino – un giardino pubblico – con la presenza di bambini”, commenta Remo. “Io credo che questi casi non così sporadici debbano farci riflettere su quanto sia importante non dare per scontata la reazione dei nostri animali domestici, anche qunado pensiamo di conoscerli bene”.

“Specie quando sono all’aperto e/o in presenza di estranei, possono avere reazioni improvvise. Se il cagnolone fosse stato al guinzaglio (o almeno avesse avuto una museruola) tutto questo non sarebbe successo. Poveri bambini! Amo gli animali, ma la sicurezza degli esseri umani è la cosa più importante”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.