Tra gli “oggetti” dimenticati, una passeggera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:23

Si sa che i passeggeri sono smemorati (due terzi dimenticano cose in aereo). Fedi nuziali, dentiere, biancheria e giocattoli sono solo alcuni tra gli oggetti della lunga lista di cose lasciate a bordo. Alcune molto costose, altre dall’insostituibile valore affettivo. Più insolito, però, è che ad essere dimenticata a bordo sia una passeggera. Al freddo, al buio e senza la possibilità di comunicare con l'esterno. È la disavventura capitata ad una passeggera a bordo di un aereo Air Canada in volo da Quebec City a Toronto. Tiffani Adams si era addormentata nel sedile nella fila posteriore del velivolo e quando l'aereo è atterrato il personale di bordo, per motivi ancora da spiegare, non si è accorto di lei. Eppure le procedure avrebbero dovuto impedire questo increscioso episodio. La discesa è fatta di due fasi. Una riguarda la graduale diminuzione di quota e l’avvicinamento allo spazio aereo dell’aeroporto di arrivo. L’altra fase riguarda l’entrata nello spazio aereo e l’atterraggio.

Oggetti smarriti

Un sondaggio di Skyscanner rivela che alla maggioranza dei passeggeri è capitato di lasciare qualcosa a bordo, dopo un viaggio in aereo. Dalle risposte di oltre 700 persone è emerso che un terzo ha dimenticato in aereo beni per un valore complessivo di oltre 100 euro, tra questi ci sono fotocamere (3%), iPad (3%) e videogiochi (2%). Cinque persone sono addirittura scese dall’aereo senza la fede nuziale, probabilmente con qualche solida spiegazione da dover riportare a casa. Dimenticare oggetti di valore può risultare anche molto costoso, specie se non si è assicurati, ma altre perdite potrebbero causare uno stress ancora maggiore. Uno sfortunato 5% ha dichiarato di aver lasciato a bordo passaporti o documenti di viaggio, mentre un 2% ha malauguratamente dimenticato in aereo il giocattolo preferito del figlio, cosa che probabilmente ha causato un piccolo dramma, con tanto di scatti di rabbia e lacrime a fiumi. Tra le perdite più insolite ci sono persino un paio di dentiere e un trombone. La cosa più comune dimenticata tra i sedili è il libro, lasciato a bordo dal 18% dei passeggeri, seguito dai telefoni cellulari (9%), riviste o giornali (8%) e un capo d’abbigliamento (8%). Mentre alcuni vestiti sono relativamente più facili da dimenticare rispetto ad altri, è singolare il fatto che una persona abbia ammesso di essere sbarcata senza biancheria intima. “Posso solo immaginare quanto sia frustrante lasciare in giro il proprio iPad, un oggetto che, in fin dei conti, può essere considerato come molto personale tra contenuti musicali, video e dati sensibili” commenta Caterina Toniolo, Country Manager di Skyscanner Italia. “Ad ogni modo, la maggior parte di questi oggetti può essere recuperata o sostituita, tranne in alcuni casi, a prescindere dal costo”.

Persona dimenticata

In Canada, però, è accaduto qualcosa di notevolmente diverso. Ad essere stata dimentica a bordo è stata una persona. Dopo che tutti i passeggeri sono scesi, l'aereo è rimasto parcheggiato all'aeroporto internazionale di Toronto ovviamente con tutti i sistemi spenti. La donna si è svegliata con ancora le cinture di sicurezza allacciate e al freddo e buio. “È stato come ritrovarsi in un brutto sogno” – ha detto lei stessa aggiungendo che il suo cellulare era completamente scarico e senza la possibilità di caricarlo quindi non poteva chiamare nessuno. Cercando nella cabina di pilotaggio ha trovato una torcia e così ha cominciato a fare segnali dal finestrino. Fortunatamente un addetto ai bagagli ha notato la luce dall'aereo e ha aperto lo sportello. Air Canada ha detto che sta investigando sull'incidente senza fornire tuttavia ulteriori dettagli.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.