Il “Vaticano 3” diventa digitale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:43

In uno dei suoi frequenti ricoveri ospedalieri, nell'ottobre 1996, il paziente più celebre, Karol Wojtyla, ribattezzò l'ospedale “Vaticano 3”. Ora il Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma si digitalizza attraverso TrakCare, il nuovo sistema informativo adottato d in virtù della collaborazione con InterSystems, leader globale nelle piattaforme informatiche per applicazioni sanitarie, aziendali e governative. Il sistema informativo “TrakCare”, riferisce il Sir, è stato avviato a ottobre 2019 per tutti i reparti di degenza ordinaria del Gemelli e del Presidio Columbus, comprendendo ricoveri in convenzione con il servizio sanitario nazionale e regionale e privati.

Dossier sanitario

Un intervento particolarmente significativo per il Gemelli data la complessità dell’attività ospedaliera, suddivisa in 20 aree raggruppate in 7 dipartimenti con l’obiettivo di fornire cure, formazione, insegnamento e ricerca su 241 unità di cui 85 unità operative complesse, 124 unità operative semplici e 32 unità operative semplici di area. Corredato da varie funzionalità (tra cui un sistema di cartella clinica elettronica a bordo letto ad alimentare il Dossier sanitario del paziente, una gestione unificata delle attività amministrative e di cura, la gestione della farmaco-somministrazione) l’introduzione di “TrakCare” porta a significativi passi avanti nel percorso di digitalizzazione dei processi. Attraverso tale complesso sistema di comunicazione, tutta la documentazione clinica, anche di emergenza, arricchisce automaticamente il Dossier sanitario del paziente in modo conforme ai dettami del Garante per la privacy a beneficio di tutti i medici e professionisti curanti fornendo un corretto  supporto alle loro  decisioni cliniche.

100 mila pazienti

“In una struttura ospedaliera articolata e complessa qual è il Policlinico A. Gemelli Irccs, che coniuga ricerca e cura di alto livello, l’innovazione tecnologia rappresenta un fattore chiave per il raggiungimento dei nostri obiettivi e assicurare ai circa 100mila pazienti che ogni anno si rivolgono a noi i trattamenti migliori – afferma Marco Elefanti, direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs -. L’accordo con una società leader come InterSystems Italia va in questa direzione, considerando quanto oggi sia strategico in sanità poter disporre di sistemi informatici evoluti. Siamo certi – ha aggiunto Elefanti – che sia tutto il nostro personale che i pazienti troveranno grandi benefici da questa collaborazione strategica”. La scelta di TrakCare è stata guidata dall’obiettivo di individuare una soluzione che supportasse il Gemelli nel raggiungimento degli obiettivi strategici. TrakCare sarà in grado di gestire e mettere in connessione un vasto numero di reparti: dal Pronto soccorso ai processi amministrativi di prenotazione, accettazione, dimissioni e trasferimento dei pazienti, dalla gestione delle liste d’attesa di ricovero e ambulatoriali al verbale di Pronto soccorso. Il tutto, garantendo la connessione alle principali banche dati regionali o nazionali. Uno dei fattori di successo dell’implementazione di TrakCare risiede nelle modalità che incoraggiano la sua adozione all’interno della struttura. Il processo sviluppato da InsterSystems assicura infatti che il team del Pollinico Gemelli IRCCS riceva tutto il supporto necessario ad ottenere informazioni utili e programmi di training destinati a tutti gli utilizzatori del sistema. Inoltre, attraverso delle survey interne, sarà possibile porre domande ed esporre qualunque dubbio o idea che possa migliorare il processo di adozione del sistema. Tutto questo nell’ottica di rendere immediato e familiare l’utilizzo di tutti gli strumenti gestionali che la piattaforma mette a disposizione.

L'accordo

InterSystems, leader mondiale del software applicato alla sanità, aveva annunciato ufficialmente il 15 ottobre 2018 una collaborazione con la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS di Roma. Siglata 16 mesi fa, l’intesa prevede la trasformazione dell’architettura del proprio sistema informativo, in una sinergia ottimizzante che va nella stessa direzione del recente riconoscimento della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli come Irccs (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) nonché del conseguimento della certificazione Joint Commission. Il Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, polo di riferimento della Sanità nazionale e internazionale, in continua crescita di specializzazione, sarà quindi informatizzato con la soluzione basata su TrakCare di InterSystems, un sistema informativo sanitario unificato, incentrato sul paziente e sulla cartella clinica elettronica, in grado di gestire l’intero ciclo di cura del paziente e la valorizzazione delle prestazioni, diffuso in 26 Paesi nel mondo, che dispone delle migliori pratiche globali nella gestione della salute del paziente. Il progetto prevede 4 fasi principali, distribuite in 2 anni e mezzo, a copertura estesa delle attività dei professionisti del Gemelli. Il risultato: un sistema di cartelle elettroniche unificate a supporto delle decisioni cliniche. Il paziente sarà seguito passo dopo passo, dall’ingresso in ospedale dai diversi punti di accesso fino all’uscita dallo stesso, che sia da un ricovero, da un ambulatorio o dal Pronto Soccorso. In ogni momento della sua permanenza nella struttura, tutti i professionisti che l’hanno in cura ne seguiranno il percorso adottando quindi le pratiche più appropriate, ottimizzando la cura e riducendo le latenze.

Innovazione continua

“TrakCare permette, in qualunque momento, agli operatori sanitari di avere un approccio olistico alle informazioni cliniche, amministrative ed economiche di ciascun paziente, rileva e memorizza gli eventi significativi, orchestra i processi e soprattutto supporta le decisioni del personale clinico al fine di raggiungere gli obiettivi clinici e finanziari prefissati – aveva Cesare Guidorzi, direttore generale di InterSystems Italia –. In altre parole, è un elemento fondamentale per abilitare l’innovazione e il miglioramento continuo dei processi di cura a beneficio dei pazienti. Il nostro impegno è rivolto alle più prestigiose aziende ospedaliere italiane per aiutarle a essere sempre più eccellenti, per questo – ha concluso Guidorzi – siamo estremamente soddisfatti di poter annunciare l’accordo con la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, realtà di primissimo livello nazionale ed internazionale”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.