Dramma fuori dalla metro, clochard muore di freddo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:34

Dramma a Molino Dorino, alla periferia di Milano, dove un clochard è stato trovato morto, probabilmente a causa del freddo. Era su una carrozzina coperto da un piumone. Secondo quanto riferito dai sanitari del 118, che hanno allertato gli agenti della questura, l'uomo era morto da alcune ore, considerate le condizioni del corpo. Il senzatetto si chiamava Nica Tudor, aveva 64 anni ed era originario della Romania. La prima a chiamare il 118, intorno alle 7.40, è stata una studentessa che tutte le mattine prende la metropolitana alla stazione della metro Molino Dorino e vedeva il disabile all'ingresso sulla sua carrozina

I servizi sociali: aveva rifiutato aiuto

L'Assessorato ai servizi sociali del Comune di Milano conosceva Nica Tudor, era stato più volte intercettato dalle unità mobili che perlustrano la zona per monitorare la situazione dei senza dimora e convincerli ad accettare un posto nelle strutture. I servizi sociali hanno spiegato che solo nel febbraio 2019 le condizioni di salute dell'uomo si erano aggravate ed era stato ricoverato per un mese nella struttura comunale dedicata ai post acuti, ma dopo poco tempo se ne era andato spontaneamente. Nel 2016 aveva fatto ritorno in Romania, ma era rientrato in Italia dopo poco tempo. 

L'appello del sindaco Sala

“Faccio un appello ai cittadini di Milano: noi abbiamo tanti posti letto ancora liberi nei nostri centri per i senzatetto – ha detto il primo cittadino Giuseppe Sala, partecipando ad una trasmissione ru Rtl – Chiedo quindi ai cittadini di invitare queste persone ad andare nei centri. Non possiamo obbligarli ma magari li convinve più un cittadino qualunque che un vigile in divisa”. Il sindaco Sala, inoltre, ha specificato che sono ancora liberi centianaia di posti letto e che chiederà alla Polizia locale di fare, nei limiti del rispetto della legge, tutto il possibile per convincere i senzatetto ad andare nei centri. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.