LUNEDÌ 24 GIUGNO 2019, 07:43, IN TERRIS


MINORI MIGRANTI

Unicef: "15mila bambini migranti in Messico in 4 mesi"

Circa 130 al giorno, secondo le ultime stime dell’Istituto nazionale per le migrazioni

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bambino migrante al confine con gli Usa
Bambino migrante al confine con gli Usa
"C

irca 15.500 bambini e giovani migranti sono stati registrati dalle autorità messicane per la migrazione nei primi quattro mesi dell’anno, 130 al giorno, secondo le ultime stime dell’Istituto nazionale per le migrazioni. Questa cifra rappresenta un aumento di oltre il 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”. Lo dichiara il direttore generale dell’Unicef, Henrietta Fore, dopo tre giorni di missione in Messico.


Tutela dei minori migranti

“La maggior parte di questi bambini e giovani provengono da Honduras, Guatemala ed El Salvador, Paesi dove il tasso di omicidi adolescenziali è tra i più alti al mondo”, osserva Fore. Che evidenzia anche come il Messico accolga da tempo anche i migranti che sono stati rimpatriati dagli Stati Uniti. “Se non si affrontano le cause profonde di questi flussi migratori, è improbabile che la situazione cambierà”. Nel corso della sua missione, il direttore generale dell’Unicef ha riferito di aver incontrato persone che “aspettavano che la loro domanda di asilo negli Stati Uniti fosse esaminata”, “altri sono stati arrestati mentre cercavano di entrare negli Stati Uniti”, “altri ancora hanno vissuto per la maggior parte della loro vita negli Stati Uniti, ma sono stati rimpatriati e ora devono affrontare un futuro incerto”. “Ovunque si trovino e qualunque sia la loro storia, questi bambini sono prima di tutto e soprattutto bambini. Hanno bisogno di essere protetti in tutte le fasi del loro viaggio migratorio”, sostiene Fore. Di qui l’appello ai Paesi a “mantenere le famiglie unite” e a “trovare alternative alla detenzione dei bambini in base al loro status migratorio, come le famiglie affidatarie o le case famiglia”. “Un approccio di successo per la crisi migratoria in America centrale richiede l’impegno e il coordinamento di tutti i paesi coinvolti. Solo così potremo affrontare collettivamente le cause profonde della migrazione, identificare, realizzare e difendere le opportunità future per i bambini e i giovani e difendere i diritti dei bambini che migrano”.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Roma-Genoa 3-3. Kouamé realizza il gol del pari definitivo
SERIE A

La Roma fa e disfa: pari pirotecnico col Genoa

I giallorossi avanti tre volte ma sempre rimontati: serve un centrale. Lazio e Atalanta, esordio vincente. Stecca il Milan
L'ultraleggero coinvolto nello scontro aereo
SPAGNA

Palma di Maiorca, sette morti in un incidente aereo: anche un italiano

Scontro fra un elicottero, probabilmente pilotato dall’italiano, e un piccolo ultraleggero. Nessun sopravvissuto
Controesodo
BRESCIA

Undici feriti in un incidente sulla A4 nel giorno del controesodo

Chiuse due corsie su tre. Intanto i casellanti scioperano dalle 18 di oggi fino alle due di lunedì mattina
Alex Rins esulta in sella alla Suzuki
MOTO GP

Rins si prende Silverstone, spavento per Dovizioso

Lo spagnolo beffa Marquez all'ultima curva. Brutto incidente al via per il forlivese: tanta paura ma nessuna conseguenza
Carabinieri
MONDRAGONE

Pirata della strada investe una bambina: ricoverata in condizioni gravissime

L’uomo, che aveva assunto cocaina, è ai domiciliari accusato di omicidio stradale
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Il folle gioco adolescenziale chiamato Planking
GIOCHI PERICOLOSI

Sdraiati sull'asfalto si fanno selfie mentre passa l'auto

Una nuova pericolosa sfida tra giovani che si è diffusa tra i social: il “Planking”

Non esiste salvezza a buon mercato

Quanto è forte il Vangelo di Luca della porta stretta, in cui Gesù ci parla della nostra Salvezza. Ci...