VENERDÌ 06 DICEMBRE 2019, 10:37, IN TERRIS

USA

Uber shock: negli Usa oltre 3mila molestie in un anno

Il rapporto presentato dalla stessa società. L'ad: "Resta tanto da fare"

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il cartello di Uber campeggia sulla sede della Borsa a New York - Foto © M. Lennihan per AP
Il cartello di Uber campeggia sulla sede della Borsa a New York - Foto © M. Lennihan per AP
Q

uasi seimila segnalazioni di aggressioni sessuali, di cui 464 stupri fra 2017 e 2018: sono le cifre del mega-rapporto lungo 64 pagine presentato giovedì scorso dalla società di mobilità Uber, nota per il suo servizio a metà fra i taxi e il noleggio di auto con autista. È stato stimato che solo nel 2018 sono avvenute tremila segnalazioni su un totale di oltre un miliardo di corse: numeri che attestano una diminuzione di circa il 16% rispetto all'anno precedente, ma che, tuttavia, nulla tolgono alla gravità del problema: "Sospetto che molte persone saranno sorprese da quanto siano rari questi incidenti; altri penseranno comprensibilmente che sono ancora troppo comuni. Alcune persone apprezzeranno quanto abbiamo fatto sulla sicurezza; altri diranno che abbiamo ancora molto lavoro da fare. Avranno tutti ragione" ha scritto in un tweet l'amministratore delegato di UberDara Khosrowshahi.


Contatti indesiderati

Secondo il documento, soltanto lo scorso anno sono state presentate 235 segnalazioni di "penetrazione sessuale non consensuale", e 280 tentativi di "penetrazione sessuale non consensuale", quasi tutte archiviate da donne. Il restante numero di rapporti annovera, invece, tentativi di contatto indesiderato del corpo o di bacio. L'ad Khosrowhahi ha risposto opponendo linee di assoluta trasparenza: il rapporto rientra in questa linea. Il cambio di approccio della società risale a due anni fa, quando il manager di Uber, Cameron Poetzscher, si dimise dopo che il Wall Street Journal rese note le accuse di molestie sessuali mossegli sul luogo di lavoro. "Abbiamo dovuto cambiare la cultura dall'interno e abbiamo semplicemente dovuto fare la cosa giusta" ha detto Khosrowshahi, aggiungendo che Uber non ha intenzione di nascondere informazioni sulla sicurezza. 


Controlli più stringenti

In parallelo alla presentazione del rapporto, Uber ha affermato che da tempo sottopone i conducenti a un controllo rigoroso prima di accettarli nella sua piattaforma. In questa direzione, anche i dati parlano chiaro: nel rapporto, emerge che non sono riusciti a superare la prima fase del test di "screening" circa un milione di conducenti ed almeno 40.000 sono stati espulsi dalla piattaforma nella seconda fase. Ma non basta. Negli Stati Uniti, particolarmente sensibili al tema, in tanti chiedono mappature più stringenti sui conducenti. A New York, per esempio, i conducenti Uber devono fornire le impronte digitali ed avere gli stessi requisiti di licenza dei normali tassisti. Già un anno fa Khosrowshahi, intervenendo a un incontro organizzato dal Financial Times, aveva dichiarato che la cultura all'interno di Uber ha bisogno di ulteriori miglioramenti: "Siamo cambiati, ma c'è ancora da fare"

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ECONOMIA GREEN

Bio e sostenibile, boom in Italia dell'agricoltura verde

Tre italiani su quattro chiedono alle aziende attenzione all’ambiente. 60 mila aziende certificate con il bollino verde
Il filosofo Emanuele Severino
BRESCIA

Addio a Emanuele Severino

Il filosofo è morto il 17 gennaio ma la notizia è stata diffusa oggi per suo volere
Sagra paesana
TORINO

Sgominata banda dell'ammoniaca: 5 arresti

Rubavano nelle abitazioni usando uno spray per neutralizzare gli animali di guardia
La casa il giorno del rogo
FERMO

Bimba morta nel rogo in casa: madre fermata per omicidio

La donna avrebbe ucciso la figlia maggiore e abbandonato il corpo tra le fiamme per coprire le prove
Il nuovo leader dell'Isis
TERRORISMO

L'Isis annuncia il nuovo leader: è il "Califfo" Abu Ibrahim

Guidò la persecuzione sulla minoranza yazidi in Iraq. Su di lui una taglia da 5 milioni di dollari
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
WELFARE E ISTRUZIONE

Un'impresa su 3 è guidata da donne

E’ la fotografia delle aziende scattata dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di...
VIVERE IN CITTÀ

Se vivi a Roma 254 ore all'anno le passi nel traffico

La Global card scorecard di Inrix pubblica l'analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200...
ROMA

Colosseo, si apre voragine in strada: evacuato un palazzo

La Raggi: "Tecnici al lavoro. Entro sera tutte le famiglie ricollocate"
SALUTE

Il virus misterioso che spaventa la Cina

Accertata la terza vittima, 140 i nuovi casi di contagio
Il Papa in visita alla sinagoga di Roma
MONITO PAPALE

“Condannare fermamente ogni forma di antisemitismo”

Il Papa al Centro Simon Wiesenthal: "La memoria dell’Olocausto per non annientare il futuro"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
RESTAURO

Gli ambulatori delle bambole antiche

Attraverso l'artigianato tornano in vita i ricordi: botteghe specializzate in tutta Italia