MARTEDÌ 11 GIUGNO 2019, 00:01, IN TERRIS

Suicidio assistito: ecco la risposta alla Consulta

I dettagli sulla legge che il Parlamento sta preparando entro il 24 Settembre

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Eutanasia
Eutanasia
U

n governo di tregua sui temi etici. Così un anno fa è stato definito l’attuale esecutivo giallo-verde. Da una parte la componente 5Stelle, più orientata a seguire un’agenda radicale, dall’altra quella leghista, maggiormente sensibile ai temi della difesa della vita e della famiglia. Tregua che spesso si è retta su un filo, sempre in procinto di spezzarsi a causa delle forze più centrifughe dei due partiti. Tregua che in questi caldi mesi che ci separano dal 24 settembre, data entro la quale il Parlamento è chiamato dalla Consulta a legiferare sul tema del fine vita, potrebbe apparire quanto mai fragile. Se reggerà o meno a questo nuovo stress test, potremmo scoprirlo già oggi, quando nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Comitato ristretto delle commissioni Affari sociali e Giustizia della Camera. In quella occasione dovrebbe delinearsi il progetto di legge che le due forze hanno intenzione di sottoporre ai voti.


Cosa emerge

“La scorsa settimana, nell’ultima riunione del Comitato ristretto - racconta ad In Terris Antonio Palmieri, deputato di Forza Italia - il relatore della legge, Giorgio Trizzino, del M5s, ha detto che sarà tolto dalla legge ogni riferimento all’eutanasia”. E allora su cosa si concentrerebbe la misura? “Sulla modifica dell’art. 580 del codice penale, l’aspetto del suicidio assistito”, risponde il forzista. Si tratterebbe, da ciò che filtra, di un’attenuazione dell’entità della pena per i familiari che aiutano una persona in stato di malattia irreversibile “ad avvicinare la propria fine”, dichiara Palmieri, il quale aggiunge che questo sarebbe un punto che troverebbe gli esponenti delle varie forze politiche del Comitato d’accordo. “La norma va comunque scritta accuratamente - precisa il deputato azzurro -, vanno delimitati i casi alle situazioni di sofferenza non più tollerabili”. Una norma che cancella con un tratto di penna il riferimento all'eutanasia sarebbe un dietrofront dei 5Stelle piuttosto sorprendente. Palmieri sottolinea che gli esponenti del Movimento “nella scorsa legislatura erano dichiaratamente favorevoli all’eutanasia, però sono cambiate le persone” e, inoltre, anche il "governo di tregua" ha mitigato la loro spinta radicale. Va però ricordato, tuttavia, che oltre alla legge a firma di Trizzino alla Camera (dove giacciono anche quelle di LeU, dell'ex esponente pentastellato Andrea Cecconi, oggi passato nel Misto, e una di iniziativa popolare), in Senato ne è stata depositata una dal 5Stelle Matteo Mantero, che ha avuto adesioni del Pd, di Forza Italia e (fatto molto significativo) non dalla Lega.


Trizzino: "Lavoriamo per una sintesi"

A proposito di quest'ultima “si tratta di una proposta della scorsa legislatura”, taglia corto Trizzino, interpellato da In Terris. L’esponente 5Stelle sembra dunque confermare l’avviso di Palmieri, ossia che il Movimento ha un orientamento più prudente sui temi sensibili rispetto alla scorsa legislatura. “Siamo tutti d’accordo - prosegue - a lavorare esclusivamente su una modifica dell’art. 580 sull’aiuto al suicidio assistito, ci sono sensibilità diverse sia in Parlamento sia nel governo ed è quindi giusto così. Stiamo lavorando per trovare una sintesi”. L’intento - prosegue l’esponente pentastellato - è “non accanirsi verso chi accompagna l’ultimo tratto estremo di vita di un proprio familiare”. Ergo, una nuova definizione, più soft, del reato di aiuto al suicidio. Per Trizzino, che è anche medico, “la Consulta dovrebbe ritenersi soddisfatta” di un intervento legislativo che modifichi soltanto l’art. 580 del codice penale, “perché del resto è ciò che ci chiede”. In realtà, i giudici della Corte costituzionale nella loro ordinanza fanno diversi riferimenti anche alla legge 219 del 2017 sul biotestamento. “Ma su quella legge - chiosa Trizzino - non abbiamo intenzione di intervenire, perché si tratta di una norma che ha trovato convergenza e che nessuno vuole cambiare”. Ora non resta che aspettare. Oggi si avrà un primo riscontro dalla riunione del Comitato ristretto, poi il 26 giugno è previsto l’approdo in aula.


E l'obiezione di coscienza?

Chi guarda con occhio particolarmente attento a quanto avviene in Parlamento è la galassia del Family Day, il cui presidente Massimo Gandolfini è intervenuto in audizione nei mesi scorsi. Quest'ultimo, contattato da In Terris, ha ribadito la ferma opposizione ad ogni cedimento all'eutanasia. "Se così sarà, daremo battaglia", promette. E aggiunge: "Va bene un ritocco dell'art. 580 per attenuare la pena nei confronti dei familiari, ma deve essere sempre sottolineato che indurre una persona al suicidio è un reato; che non passi un messaggio diverso da questo". Il neurochirurgo bresciano ci tiene poi a sollevare una questione cara ai medici cattolici, quella dell'obiezione di coscienza. "Non è tollerabile che in Italia sia garantita l'obiezione di coscienza per la sperimentazione animale e non lo sia per l'interruzione delle cure a una persona malata", tuona. E aggiunge: "Obiezione di coscienza che va garantita non solo per i singoli operatori sanitari, ma anche per le strutture". Questo è un altro punto su cui il Family Day non è disposto a cedere.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
MIGRANTI

La Ocean Viking salva 92 persone, tra loro minori non accompagnati

Le operazioni di soccorso a 30 miglia nautiche dalla costa della Libia
Cina, persone contagiate da coronavirus
EMERGENZA SALUTE

Virus misterioso, la Cina allarga il cordone sanitario

Quattro casi confermati in Australia, tre in Francia. Nel Regno Unito si cercano 2.000 persone recentemente rientrate dalla Cina
TERREMOTO

Turchia: sisma magnitudo 6.8. Morti e feriti

Diverse persone, almeno 30, sarebbero intrappolate sotto le macerie
SOS DEI COLTIVATORI

Dazi, -7,7% di esportazioni italiane negli Usa

Il pesante impatto economico della guerra commerciale di Donald Trump sull'agroalimentare Made in Italy. I contraccolpi del...
CONTRO IL DEGRADO CAPITALE

A salvaguardia della Fontana di Trevi

Oltre all'installazione della barriera protettiva, saranno controllate anche le vie d'accesso in funzione...
ANTISEMITISMO

"Qui ebrei" scritta choc sulla casa di un'ex deportata

A pochi giorni dal 70esimo anniversario dalla liberazione dei lager ancora un gesto antisemita
OMICIDIO SACCHI

Ecco perchè anche Anastasiya andrà a processo

Giudizio immediato per i sei indagati nell'inchiesta sull'omicidio di Luca Sacchi. Tra questi i due autori materiali...
GERMANIA

Sparatoria a Rot am See, 6 morti

Tragedia in una piccola città tedesca, dove un uomo armato ha aperto il fuoco in un edificio. Preso il killer
USA

Houston, esplosione in un palazzo

Ancora non è noto se ci siano vittime o feriti, così come sono ignote le cause dell'esplosione
PARLAMENTO EUROPEO

"Serve una task force Ue contro la tratta"

A Bruxelles, nella giornata di approfodimento sulla prostituzione coatta e il traffico di esseri umani, l'appello di don Aldo...
Locuste in Africa
KENYA, ETIOPIA E SOMALIA

Emergenza locuste in Africa: milioni di bimbi rischiano la fame

Save the Children: "In un giorno possono mangiare la stessa quantità di cibo di 90 mln di persone"
EMERGENZA SALUTE

Coronavirus, la Cina blocca i trasporti pubblici

Sono oltre 40 milioni i cittadini coinvolti. Chiusa parte della Muraglia cinese
SAN FRANCESCO DI SALES

"Le menzogne spogliano l'uomo di dignità"

Nel messaggio per la 54° Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, il Papa mette in guardia dalla "falsificazione...
Maltrattamenti in asilo - immagine di repertorio
ROMA

Maltrattavano bimbi, arrestate due maestre

Gli episodi di violenza in una scuola dell'infanzia alle porte della Capitale