GIOVEDÌ 07 SETTEMBRE 2017, 13:05, IN TERRIS

Sudan: bambini cristiani costretti a recitare preghiere islamiche per poter mangiare

Aiuto alla Chiesa che Soffre denuncia la condizione in cui vivono i circa 700mila cristiani rifugiati nel Paese

REDAZIONE
Sudan: bambini cristiani costretti a recitare preghiere islamiche per poter mangiare
Sudan: bambini cristiani costretti a recitare preghiere islamiche per poter mangiare
"I bambini cristiani nei campi profughi sudanesi sono costretti a recitare le preghiere islamiche per ricevere il cibo". È quanto denuncia ad Aiuto alla Chiesa che Soffre una fonte in loco che per motivi di sicurezza preferisce rimanere anonima.

Cristiani rifugiati in condizioni invivibili


Attualmente si stima che vi siano 700mila cristiani sudsudanesi rifugiati in Sudan, la maggior parte dei quali alloggia nei campi profughi. "Sono confinati in quei luoghi – continua la fonte – perché il governo non permette loro di andare più a nord e raggiungere le città". All’interno dei campi le condizioni sono invivibili e il cibo offerto dal governo insufficiente.

Aiuti trafugati


La quantità fornita mensilmente alle famiglie dura a malapena per due settimane, perché, secondo la fonte di Acs, gli aiuti delle Nazioni Unite vengono in larga parte trafugati e poi venduti al mercato, spesso con ancora ben visibile il logo dell’agenzia Onu che li ha donati. Il governo impedisce alle organizzazioni umanitarie di vigilare sulla distribuzione degli aiuti e non permette alle associazioni legate alla Chiesa di offrire alcun sostegno ai rifugiati.

La denuncia di Acs


All’interno dei campi i rifugiati cristiani, bambini inclusi, si trovano ad affrontare non soltanto la miseria, ma anche la discriminazione e la persecuzione. "Una piaga purtroppo diffusa in tutto il Paese – afferma il direttore di Acs-Italia Alessandro Monteduro - Nel Sudan guidato dal regime islamista di Omar al Bashir, in cui vige la sharia islamica, la persecuzione anticristiana ha raggiunto livelli gravissimi".

Eliminare i cristiani dal Sudan


Oltre a doversi conformare ai costumi islamici – continuano i casi di donne cristiane arrestate per “abbigliamento indecente” – negli ultimi mesi i cristiani hanno dovuto sopportare anche la demolizione di alcune chiese. "E molte altre rischiano di essere abbattute – continua Monteduro - La motivazione addotta da Khartoum è violazione dei piani regolatori, ma è ben noto l’intento di al-Bashir di eliminare la presenza cristiana dal Paese".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"
RAPPORTO CARITAS 2017

In Italia un "esercito di poveri"

Preoccupa la situazione dei giovani: il 37% a rischio esclusione sociale
Giampiero Ventura
DISFATTA AZZURRA

Parla Ventura: "Le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct saluta i tifosi in una dichiarazione all'Ansa: "Grande dispiacere, mi sento incompiuto"
Truppe irachene
IRAQ

Rawa strappata all'Isis

Riconquistata la cittadina nordoccidentale. La Coalizione: "Vicina la fine del Califfato"
Il videomessaggio del Papa
PAPA FRANCESCO

"Il Vangelo è messaggio di riconciliazione"

Video ai fedeli del Myanmar in vista del viaggio di fine novembre