SABATO 25 GIUGNO 2016, 002:40, IN TERRIS

SUD SUDAN, L'ONU RICONOSCE RESPONSABILITA' DEI CASCHI BLU PER IL MASSACRO DI MALAKAL

Secondo Medici Senza Frontiere “Msf” L’Umiss non ha rispettato il proprio mandato di proteggere i civili

EDITH DRISCOLL
SUD SUDAN, L'ONU RICONOSCE RESPONSABILITA' DEI CASCHI BLU PER IL MASSACRO DI MALAKAL
SUD SUDAN, L'ONU RICONOSCE RESPONSABILITA' DEI CASCHI BLU PER IL MASSACRO DI MALAKAL
Il massacro avvenuto nella notte del 18 febbraio nel  nel Sud Sudan sarebbe avvenuto a causa della confusione nel comando, nel controllo e della mancata conoscenza delle regole d’ingaggio, ovvero degli ordini su come comportarsi di fronte ad un attacco, da parte dei Caschi Blu. Lo ha stabilito un’inchiesta delle Nazioni Unite sul comportamento che ha messo in rilievo il l'operato dei Caschi Blu della Missione Onu in Sud Sudan (Umiss).

Secondo il rapporto, gli assalitori indossavano uniformi dello Spla (Esercito di Liberazione del Popolo Sudanese) e avrebbero usato armi relativamente sofisticate, compresi proiettili traccianti e granate, per colpire i civili rifugiati nella struttura Onu che ospita circa 50.000 sfollati. Almeno 30 civili sono rimasti uccisi e ci sono stati 123 feriti.

Secondo Medici Senza Frontiere “Msf” L’Umiss non ha rispettato il proprio mandato di proteggere i civili, come stabilito dal Consiglio di Sicurezza: prima dell'attacco, ha fallito nell'impedire che nel campo entrassero armi; ha deciso di non intervenire quando sono iniziati i primi scontri e quando è avvenuto l'attacco dall'esterno è stata estremamente lenta nel rispondere all'assalto”.

L’Onu ha annunciato che le truppe che non hanno risposto all’assalto verranno rimpatriate, lo ha annunciato il sottosegretario delle Nazioni Unite per le operazioni di peacekeeping, Hervé Ladsous. In una dichiarazione rilasciata ieri, Ladsous ha anche ammesso che "c'è stata una mancanza di reattività da parte di alcuni, una mancanza di comprensione delle regole di ingaggio da parte di altri". Il funzionario Onu non ha quindi fatto nomi e ha precisato che "ci saranno rimpatri di unità e di singoli ufficiali".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INFLUENZA

Mai così tanti casi dal 2004. A letto 4 milioni di italiani

La fascia di età più colpita dal virus influenzale è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni
Luca Lecci
INFORTUNI SUL LAVORO

Diciannovenne stritolato dal tornio

L'incidente sotto gli occhi del padre. "Lamina": morte cerebrale per il quarto operaio
INPS

Nel 2017 cassa integrazione in calo del 39,3%

A novembre 209.325 domande di disoccupazione
Il sarcofago di Larthia Seianti. Firenze, Museo Archeologico Nazionale
FIRENZE

Gli Uffizi sosterranno il Museo Archeologico

La Galleria cederà il 2,5% degli incassi annui dei biglietti
L'operazione China Truck della Polizia di Stato
MAFIA

Sgominata banda che controllava il Made in China in Europa

Vasta operazione della Polizia di Stato in diverse province italiane. 33 arrestati
Il premier Paolo Gentiloni
PAOLO GENTILONI

"Non è tempo di scardinare i pilastri del sistema su fisco e pensioni"

Lo ha detto il premier intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
HOTEL RIGOPIANO

Mattarella: "Profonda ferita per il Paese intero"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione dell'anniversario della tragedia di Farindola
 Act-Clj0102-4915
TELESCOPIO HUBBLE

Ecco El Gordo: l'ammasso più grande dell'universo

Un gigante da 3 milioni di miliardi di masse solari
L'hotel Rigopiano distrutto dalla valanga
TRAGEDIA A RIGOPIANO

Quattro filoni d'inchiesta, nuove segnalazioni su telefonate

I parenti delle vittime saranno ricevuti il 22 gennaio da Mattarella e il 25 da Papa Francesco
Il pullman andato a fuoco
KAZAKHSTAN

Pullman prende fuoco: 52 morti

Forse per colpa di un cortocircuito