MARTEDÌ 13 SETTEMBRE 2016, 002:10, IN TERRIS

SUD SUDAN, CARESTIA E CRISI ECONOMICA METTONO IN GINOCCHIO LA POPOLAZIONE

Dopo una piccola ripresa tra il 2014 e il 2015 è scoppiata nuovamente la guerra

EDITH DRISCOLL
SUD SUDAN, CARESTIA E CRISI ECONOMICA METTONO IN GINOCCHIO LA POPOLAZIONE
SUD SUDAN, CARESTIA E CRISI ECONOMICA METTONO IN GINOCCHIO LA POPOLAZIONE
Continua la drammatica situazione in Sud Sudan, colpito da una gravissima carestia che dura ormai da mesi. Secondo la Fao, sarebbero almeno 5 milioni le persone che stanno letteralmente morendo di fame, non solo per la mancanza di cibo e beni essenziali, ma anche per una forte tensione politica che peggiora le condizioni della popolazione. A tutto questo si somma la difficoltà di fare arrivare gli aiuti internazionali a destinazione a causa dell'insicurezza generale che si respira per le strade. A raccontare in modo approfondito la situazione è mons. Giorgio Biguzzi, vescovo emerito di Makeni, in Sierra Leone, intervistato da Radio Vaticana.

Secondo mons. Biguzzi, le radici di questa forte instabilità sono lontanissime e vanno ricercate negli anni di guerra e di guerriglia per l'indipendenza, negli interessi internazionali e nelle lotte tribali per la conquista del potere. "Il Sud Sudan è un Paese ricco di petrolio, di acqua e di tante altre ricchezze - ricorda il vescovo emerito - e, come dice la Bibbia, 'Dove sono i cadaveri, lì si radunano le aquile' ".

Dopo una piccola ripresa tra il 2014 e il 2015, spiega Biguzzi a Radio Vaticana, è scoppiata nuovamente la guerra, che ha causato migliaia di vittime: "molta gente, quindi, ha dovuto smettere di coltivare anche perché coltivano, poi magari arriva un gruppo di guerriglieri e porta via, saccheggia … Quindi non c’è più la voglia di tentare, perché il futuro è incerto".

A peggiorare una situazione già di per sé critica è stato anche il brusco calo delle esportazioni di petrolio e il conseguente crollo delle finanze dello Stato, una vera e propria crisi per la quale, afferma Biguzzi, "non si sa come intervenire e, soprattutto, non si vuole intervenire in maniera energica perché ognuno ha da tutelare i propri interessi politici ed economici".

A sostenere da anni la popolazione, conclude il monsignore, ci sono le Chiese cristiane e i loro leader, perché " è dall’interno che deve arrivare la spinta per una risoluzione del conflitto, sostenere anche quei timidi gesti da parte dell’Onu e spingere sui suoi rappresentanti perché anche grandi potenze utilizzino il loro potere a beneficio della gente".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018